Corsi, spettacoli e tirocini: inizia il nuovo anno della "Societas"

Con il corso di formazione "Il ritmo drammatico" parte la nuova programmazione teatrale "Rassegna Parallela", poi cono gli spettacoli di "Puerilia" e la possibilità di un tirocinio al Teatro Comandini

Si presenta l’attività 2019-20 dell’Istituto di Ricerca di Arte Applicata Societas di Cesena con tanti corsi e rassegne: parte il secondo Corso di Alta Formazione Il ritmo drammatico e una nuova programmazione teatrale dal titolo Rassegna Parallela. 
Inoltre con Puerilia prosegue la ricerca di Teatro infantile, con LLibertà di Movimento il confronto critico; tornano le residenze artistiche di Catalysi, si avvia il tirocinio sul materiale audiovisivo dell’Archivio storico della compagnia e giunge alla settima edizione la scuola di Tecnica della rappresentazione Cònia.

Il ritmo drammatico

Per il secondo anno consecutivo Societas si è aggiudicata i finanziamenti europei su bando Regionale per il Corso di alta formazione indetto al Teatro Comandini di Cesena: Il ritmo drammatico. Teoria e pratica dinamica del tempo nell’arte scenica e figurativa. È questa solo la prima delle molte notizie sulle attività annuali del Teatro Comandini, fulcro della ricerca teatrale che Societas – la compagnia condotta da Claudia e Romeo Castellucci, e Chiara Guidi – tiene a Cesena, con respiro internazionale.

Il ritmo drammatico – il cui bando è online sul sito societas.es con scadenza il 15 novembre – è gratuito per i 20 giovani partecipanti che verranno prescelti. È rivolto a persone maggiorenni, con uno spiccato senso del ritmo, dell’equilibrio e dotate di resistenza fisica, disposte a vivere un periodo intenso di studio collettivo, è articolato in 704 ore complessive (di cui 486 ore di lezione frontale e 218 di “project work” - approfondimento ed esercizi individuali - da svolgersi in autonomia). 
Il Corso prepara registi, attori, danzatori e performer alla coscienza ritmica quale dimensione essenziale dell’arte della scena sviluppandosi secondo quattro linee di insegnamento principali (cui si aggiungono altre docenze monografiche): il Movimento ritmico di Claudia Castellucci (drammaturga, coreografa e didatta), la Dinamica compositiva della recitazione, di Chiara Guidi (attrice, regista, drammaturga e didatta), la Composizione coreografica, di Teodora Castellucci (danzatrice e coreografa), e, a complemento, la Struttura dinamica della regia che Romeo Castellucci (regista) terrà in una docenza di quattro giornate intensive.

Rassegna parallela

Il Corso propone da quest’anno anche un fitto calendario di spettacoli legati, per temi e protagonisti, agli insegnamenti. Il programma, dal titolo Rassegna parallela, è curato da Dewey Dell e si terrà prevalentemente al Teatro Comandini in orario extra-scolastico.

Ne saranno protagonisti, tra gennaio e aprile, George Marinov (Il senso della carne, 29 gennaio ore 20.30, in residenza per Catalysi), Barokthegreat (GHOST, in collaborazione con Simon Vincenzi, 19 febbraio ore 20.30), Dewey Dell (STORM ATLAS, live concert 28 febbraio ore 22.30, all’interno del programma ‘Disgelo dei nomi’ del Teatro Bonci), Zapruder filmmakersgroup (ZEUS MACHINE, film, 11 marzo ore 20.30), Chiara Guidi e Vito Matera (EDIPO. UNA FIABA DI MAGIA, 29 marzo ore 17.00, all’interno di Puerilia e della Stagione di ‘Teatro Ragazzi’ del Bonci di Cesena), Claudia Castellucci (FISICA DELL’ASPRA COMUNIONE, 26 aprile ore 21.00 al Teatro Bonci sempre all’interno di ‘Disgelo dei nomi’) e alcuni allievi del Corso 2019: Eynav Rosolio e Guillermo De Cabanyes, Eleonora Bonino e Celeste Messina Agostinelli (con performance in via di definizione, 18 marzo ore 20.30). Completano il programma i tre esiti finali dell’Istituto di Ricerca di Arte Applicata Societas 2020 (19 aprile ore 17.00, ingresso gratuito): IL TRATTAMENTO DELLE ONDE, di Claudia Castellucci, PENTESILEA di Chiara Guidi e le Creazioni personali degli allievi a cura di Dewey Dell; e uno spettacolo di danza in via di definizione (mazro); oltre alla proiezione di due film di repertorio: Lonely are the Brave, western di David Miller, da una sceneggiatura di Dalton Trumbo, con Kirk Douglas (21 gennaio ore 20.30); e il documentario Voices of the Rainforest di Steven Feld, con un’introduzione del filosofo Carlo Serra (4 febbraio ore 20.30).

Ingresso: 5 euro.

Puerilia

Le giornate di puericultura teatrale a cura di Chiara Guidi vedono quest’anno in programma da ottobre 2019 a aprile 2020 cinque appuntamenti dedicati ai bambini, ai ragazzi e a chi sta loro vicino, con spettacoli in matinée dedicate alla Scuola Pubblica e con la novità di pomeridiane nei giorni festivi o prefestivi, intrecciandosi anche con il progetto europeo Argos che porterà in dicembre al Teatro Comandini di Cesena un osservatorio critico internazionale. Frutto di una costante ricerca che l’artista svolge tra infanzia e voce, articolata in diversi segmenti che negli anni, dal 2011, hanno sviluppato pensiero e azione, Puerilia 2019-20 presenta: Edipo. Una fiaba di magia (il 25 e 28 ottobre alle 10.00 per le scuole e domenica 27 ottobre alle 18.00, con repliche anche il 29 marzo alle 17.00 e in altre date da definire), spettacolo per un pubblico infantile a partire dagli 8 anni, ideato in dialogo con Vito Matera; La terra dei lombrichi. Una tragedia per bambini per un pubblico infantile a partire dai 6 anni (il 13 dicembre alle 9.00 e alle 11.00 per le scuole e sabato 14 dicembre alle 17.00, all’interno del progetto Argos) da Alcesti di Euripide; (Tuffo) per un pubblico infantile a partire dai 7 anni, anch’esso ideato con Vito Matera (dal 18 al 20 dicembre alle 9.00 e alle 11.00 per le scuole e sabato 21 dicembre alle 17.00) e Inferno. Esercizi per voce e violoncello sulla Divina Commedia di Dante, con il musicista Francesco Guerri, per i ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado (in febbraio, date da definire). Le repliche degli spettacoli di febbraio e marzo sono realizzate in collaborazione con la Stagione di ‘Teatro Ragazzi’ del Bonci di Cesena / Emilia-Romagna Teatro Fondazione. (L’ingresso alle pomeridiane è di 6 euro, con riduzione a 5 euro per i soci Coop Alleanza 3.0, under 26, over 60; matinée 4 euro).

Libertà di Movimento

Si tengono al Teatro Comandini con cadenza mensile per quasi tutto l’anno gli incontri di questo laboratorio permanente condotto da Chiara Guidi. Incontri di critica del presente, con adulti che si occupano di educazione e di arte. A partecipazione libera, autogestita e gratuita, sono momenti di confronto aperto tra persone provenienti dal territorio regionale, artisti, insegnanti, genitori, cittadini. Tutti possono partecipare. Per informazioni: info@societas.es.

Tirocinio presso l’Archivio della Societas

Ogni anno al Teatro Comandini si svolgono sessioni di lavoro intorno all’Archivio della Socìetas Raffaello Sanzio. Concepito da Claudia Castellucci e riconosciuto dal MiBAC – Sovrintendenza dell’Emilia-Romagna di “interesse storico particolarmente importante” – il fondo è dal 2012 in corso di documentazione archivistica a cura delle docenti accademiche greche Eleni Papalexiou e Avra Xepapadakou, con il supporto di fondi europei e università greche (progetto ARCH). L’archivio si trova a Cesena, presso il Teatro Comandini, dove sono conservati, a partire dalla fondazione della compagnia, nel 1981, copioni, disegni, materiali audio e video, dichiarazioni, programmi di sala, rassegne stampa, carteggi con critici e artisti, manifesti e locandine, foto e pubblicazioni. 
L’imminente tirocinio – realizzato in convenzione con l’Università di Bologna, a cura di Claudia Castellucci in collaborazione con Paola Granato – prevede una specifica sessione di lavoro sul materiale audiovisivo. Oltre ad affrontare aspetti di teoria sulla “Questione estetica di un archivio artistico”, a cura di Claudia Castellucci (di cui si veda il trattato al link https://www.societas.es/opera/la-questione-estetica-dellarchivio/), l’occasione è, da una parte, quella di un contatto ravvicinato con materiali rari e inediti che testimoniano il percorso artistico della compagnia, dall’altra la conoscenza di sistemi avanzati di catalogazione online, attraverso l’uso di specifiche modalità archivistiche (tra cui la piattaforma Archiui: archiui.it). 

Cònia

Fondata nel 2014, la scuola triennale di Tecnica della rappresentazione diretta da Claudia Castellucci e condotta da diversi insegnanti è seguita ogni estate da decine di allievi, non solo italiani. Il corso raccoglie discipline di studio che possono interessare chi affronti, con qualsiasi mezzo, il problema teorico e tecnico della rappresentazione del mondo. Sue caratteristiche di conduzione sono l’atteggiamento critico, l’esercizio pratico, la disposizione ritmica, la cura terminologica. Cònia ogni anno propone, nel corso delle sue fitte giornate, alcune Lezioni aperte e rende pubblici gli Spettacoli d’esame che gli allievi, suddivisi in tre classi progressive, ompongono alla fine del corso. Tra gli insegnanti della scorsa edizione Massimo Raffaeli, Davide Stimilli, Andrea Cavalletti, Carlo Serra, Simone Menegoi. Sono attive convenzioni con l’Università di Madrid e di Murcia, oltre allo IUAV di Venezia e a UNIBZ di Bolzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

Torna su
CesenaToday è in caricamento