Venerdì, 19 Luglio 2024
Concerti Savignano sul Rubicone

Savignano, i "Jarred the Caveman" vincitori de "Il Rock è tratto"

L'appuntamento conclusivo con la rassegna rock sarà per il 21 sabato 21 giugno, ore 2, con il concerto de Le luci della centrale elettrica, cui i vincitori avranno l'onore di fare da apripista. ingresso libero

La band argentino-romagnola Jarred the Caveman ha vinto Il Rock è tratto 2014. Si è conclusa sabato 24 maggio a Savignano sul Rubicone la fase delle selezioni della rassegna rock giunta alla vigilia del ventennale (19 le edizioni realizzate compresa quella corrente) con la freschezza delle prime volte.

I concerti delle eliminatorie si sono svolti al Sydro Club il 17 ed il 24 maggio. Il trio indie/folk composto da Ale Baigorri, Matteo Garattoni e Luca Guidi ha superato, pur senza unanimità, la difficile prova del verdetto della giuria che si è trovata a scegliere tra band di ottimo livello quali erano La Banda dei sospiri, I giorni dell'assenzio, Third base, Vicuva, Awe e Le Strade. Un risultato prestigioso se si ricorda che hanno preceduto i Jarred the Caveman band oggi affermate come i Nobraino, vincitori dell'edizione 2004, o Il Management del dolore post-operatorio, saliti sul podio del Rock è tratto 2009.

L'appuntamento conclusivo con la rassegna rock sarà per il 21 sabato 21 giugno, ore 2,  con il concerto de Le luci della centrale elettrica, cui i vincitori avranno l'onore di fare da apripista. ingresso libero. La band vincitrice avrà la possibilità di registrare professionalmente 3 brani negli studi della Go Down Records. L'appuntamento è per .

JARRED THE CAVEMAN

C'è un filo rosso che unisce capricciosamente le situazioni più impensabili. Che senza una logica apparente si lancia come un ponte fra le storie più diverse. Che, saltando i passaggi e spiegandosi solo alla fine, lega fra loro l'Argentina, l'Italia e l'America del folk.

Quando Alejandro, già studente di Composición Musical alla Universidad Nacional de Rosario e speaker per l'emittente Antena 5, decide di lasciare tutto, impacchettare i bagagli e cambiare completamente aria, si immaginava forse di trovare, in quell'Italia così piccola e lontana, esperienze diverse, nuovi spunti, nuove facce con nuovi racconti, modi differenti di attraversare il flusso multiforme della realtà che tanto spesso aveva cominciato ad abbozzare su fogli di carta pieni di note e parole di tante lingue diverse. Non sperava di certo di trovare finalmente qualcuno che vibrasse sulla sua stessa lunghezza d'onda, qualcuno che finalmente traducesse in 'insieme' quello che fino ad allora era stato 'singolo', qualcuno con cui, finalmente, dare corpo e suono a quella musica che fino a quel momento si era risolta fra la sua testa, la sua voce e la sua chitarra. L'incontro con Luca avviene per caso, sul luogo di lavoro: qualche chiacchiera e il discorso cade sulla musica, « anche tu suoni? » e, detto fatto, iniziano a nascere progetti. Luca sta facendo un corso per imparare i rudimenti del mestiere del fonico e del tecnico del suono, cercando di apprendere soprattutto dall'esperienza, ha una sala prove con altri amici, suona la batteria: pian piano le cose iniziano ad incastrarsi e l'una trascina l'altra, tutte le idee che vengono proposte quasi per scherzo e per gioco si traducono in realtà con una velocità quasi prodigiosa. Luca contatta Matteo, un amico di vecchia data che nasce come chitarrista ma, estremamente versatile, si adatta prima a suonare il basso e poi il contrabbasso: nascono così i Jarred, the Caveman, nel febbraio 2013. A pochi mesi dalla formazione del gruppo, i ragazzi decidono di mettere insieme uno studio dove registrare cinque canzoni in un EP e ci si chiudono letteralmente dentro per uscire nel luglio 2013 con il loro primo lavoro, Back Into the Sinkin' Ship, in cui alle sonorità del folk americano, che erano state all'inizio la linea guida del progetto, si sono unite anche suggestioni della scena indie europea e in particolare britannica. I riscontri non tardano ad arrivare: partecipano ad un concorso al Boulevard di Misano e come prima uscita non è niente male, perché i gestori del locale li ricontattano dopo poco per aprire il concerto del Pan del Diavolo. Dopo aver conquistato la piazza del Castelvecchio in Rock sullo stesso palco che aveva visto esibirsi, nelle precedenti edizioni, gruppi come i Granturismo e i Majestic Blast, aprono al Circolo dei Malfattori il concerto di Gabby Young e suonano all'inaugurazione dell'Ora d'Aria, incontrando consensi sia da parte del pubblico sia da parte degli 'addetti ai lavori'. Attualmente la band sta lavorando al primo CD completo e continua a muoversi nella direzione di un sound sempre più personale e rifinito, nutrito da un costante lavoro di ricerca, sperimentazione e soprattutto esperienza sul palco. A volte il filo rosso si spezza, a volte ci si inciampa dentro. A volte si impiglia, a volte si sfilaccia fino a diventare irriconoscibile. A volte serve per cercare il Minotauro, a volte nel labirinto si trovano invece le più piacevoli sorprese...

Fotografie, news e il programma de Il Rock è tratto sono visibili on line all'indirizzo www.facebook.com/ilrocketratto oppure sul sito www.xsavignano.it/ilrocketratto. Collaborano all'organizzazione le associazioni UniRadio Cesena, Acieloaperto, Diffusione Musica, Raqana Band, Music for People, Mescalina.it, Radio Icaro Rubicone, Dis-corsivo Giornale e Retro Pop. “Il rock è tratto 2014” è organizzato grazie al contributo e supporto della Bcc Romagna Est e di Radio Gamma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Savignano, i "Jarred the Caveman" vincitori de "Il Rock è tratto"
CesenaToday è in caricamento