Capolavori di meccanica e pezzi di storia, in piazza della Libertà le macchine da scrivere d'epoca

Pezzi più unici che rari, capolavori di meccanica che contengono pezzi di storia. Piazza della Libertà ospiterà, dal 7 al 31 dicembre, una mostra di macchine da scrivere d'epoca, che celebrerà i 130 anni di attività della storica azienda cesenate "Adamo Bettini" e i 25 anni di Tecnocopi.

"Nei corsi di marketing - esordisce Marco Giangrandi, contitolare di Tecnocopi - mi hanno sempre ripetuto che non si deve parlare della propria azienda, ma io vado in controtendenza. Quest'azienda l'ha fondata mio padre, ha trasformato il lavoro in una passione". "L'inaugurazione - prosegue - ci sarà il 7 dicembre, saremo in Piazza della Libertà a mostrare pezzi rarissimi che racchiudono pagine di storia". Il collezionista Antonio Fucci porterà la celebre macchina criptografica Enigma. "E' diventata famosa - spiega Cristiano Riciputi, segretario nazionale collezionisti macchine per ufficio - in alcuni film che l'hanno mostrata in tutta la sua bellezza. Il 4 dicembre ricorre il 75° anniversario della morte di Camillo Olivetti, in Italia è stato lui il fondatore della scrittura meccanica. L'esposizione sarà aperta tutti i week end dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 dal 7 fino al 31 dicembre.

La macchina enigma vierne esposta anche sabato 15 dicembre dalle 17 alle 19.

"L'ingresso sarà gratuito - spiega Giangrandi- il luogo dell'esposizione è lo spazio di fronte alla nostra cartoleria, sotto i portici di Piazza della Libertà, lato vescovado". Tra i modelli esposti ci sarà la storica Olivetti M1 del 1911. "Ne sono stati costruiti 6mila esemplari - racconta Riciputi - tra il 1912 e il 1920. Ci fu una pausa perché durante la prima guerra mondiale l'Olivetti fu riconvertita a costruire prodotti bellici". In esposizione tante rare macchine inglesi, tedesche e americane come la Underwood 5, conservata ancora con la cassa con cui veniva imballata e spedita. "Non mancherà - prosegue Riciputi - la Programma 101, quello che può essere considerato il primo computer desktop al mondo progettato da Olivetti nel 1965. Con questo modello è la prima volta che un computer viene ridotto a piccole dimensioni. Negli anni '60 i calcolatori elettronici erano grandi come campi da tennis - sorride - e avevano un costo esorbitante, circa 50 milioni di lire". Non mancherà in esposizione neanche la Corona Special, la macchina da scrivere preferita da Ernest Hemingway. "Sarà una mostra di spessore - conclude Giangrandi - come la nostra città merita nel periodo natalizio".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Prorogata la mostra "Alberi eretici ermetici" di Marisa Zattini

    • Gratis
    • dal 3 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Galleria Comunale d'Arte del Palazzo del Ridotto

I più visti

  • Scopri Cesena: cinque passeggiate nel cuore della città fra storie e personaggi illustri

    • dal 31 ottobre al 28 novembre 2020
    • partenza dallo Iat di Cesena
  • Due incantevoli chiese cesenati tutte da scoprire

    • Gratis
    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • chiesa di Santa Cristina e la chiesa di Sant'Agostino
  • Il porto canale si accende di colori ed emozioni con il Presepe della Marineria

    • Gratis
    • 6 dicembre 2020
    • porto canale di Cesenatico
  • Una visita tra le meraviglie dell'antica Biblioteca Malatestiana

    • fino a domani
    • dal 1 al 29 novembre 2020
    • Biblioteca Malatestiana
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CesenaToday è in caricamento