Borgo Narrante: Gianfranco Miro Gori racconta l'omicidio irrisolto di Ruggero Pascoli

  • Dove
    Palazzo della Rocca
    Indirizzo non disponibile
    Roncofreddo
  • Quando
    Dal 27/11/2019 al 27/11/2019
    21.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Mercoledì 27 novembre ore 21,00 si tiene il secondo appuntamento della neonata rassegna Borgo Narrante. Un appuntamento  in lingua romagnola, di fatti romagnoli che in realtà riguardano tutta Italia, l’omicidio, ancora irrisolto di Ruggero Pascoli, padre di Giovanni Pascoli. Un Poema scritto in lingua romagnola da Gianfranco Miro Gori, poeta, saggista, storico e letterato che generosamente valorizza il comparto culturale del suo territorio, con lui sul palco del Palazzo della Rocca Lorenzo Scarponi, Elisa Angelini e Mirko Catozzi.

Il 10 agosto del 1867 Ruggero Pascoli è ucciso in un'imboscata. Il delitto, che risuona nell'immortale poesia di suo figlio Giovanni, resta impunito. Negli anni che seguono, vengono pubblicate molte ricerche e avanzate diverse ipotesi sulla sua genesi e modi. L'ultima indagine storica in ordine di tempo, "Il complotto" di Rosita Boschetti, risale a pochi anni or sono. Alla vicenda si riferiscono i monologhi che saranno letti al Palazzo della Rocca che sono in parte frutto d'invenzione e in parte si basano su documenti scritti e racconti orali. In particolare i monologhi dei presunti assassino e mandante - come s'è detto mai identificati dagli inquirenti - si fondano in larga parte sulla tradizione orale tramandata fino a oggi a San Mauro Pascoli, che non ha riscontro nei documenti. Miro Gori, Lorenzo Scarponi, Elisa Angelini daranno voce ai cinque brevi monologhi che corrispondono ad altrettanti "contrappunti". A "E' mórt 'mazè" ("Il morto ammazzato") "E' garzòun" ("Il garzone"; nella realtà Ruggero Pascoli, in genere, si faceva accompagnare da un suo dipendente che aveva un ruolo certo superiore a quello di garzone). A "L'asasòin" ("L'assassino") "L'asasòin dl'asasòin" ("L'assassino dell'assassino"). A "La vèdva" ("La vedova") "Al surèli" ("Le sorelle"). A "I urfan: la Ghita e Giacòun" ("Gli orfani: la Margherita e Giacomo"; che erano i maggiori) "I fradél" ("I fratelli"). A "E' mandènt" ("Il mandante") "I samauróis" ("I sammauresi").

Ingresso a offerta libera.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Tappa in città per la rassegna Ad alta voce": sul palco Luca Bottura e Michela Murgia

    • solo domani
    • Gratis
    • 21 ottobre 2020
    • online
  • Appuntamento sui monti romagnoli con il poeta paesologo Franco Arminio

    • Gratis
    • 24 ottobre 2020
    • Remedia
  • Problemi con il sonno? Un corso per capire come l'ambiente influenza il riposo

    • 24 ottobre 2020
    • Sati - StudioOlistico e Centro di Metamedicina Cesena

I più visti

  • Il centro si popola di zombie per un Halloween in stile “The Walking Dead”

    • Gratis
    • 31 ottobre 2020
    • Centro storico
  • Da Leonardo da Vinci a Renato Serra: il tour in centro fra storia e “Cesenati illustri”

    • dal 3 al 24 ottobre 2020
    • Centro storico
  • Le Giornate Fai d'Autunno alla scoperta di Palazzo Oir e dello studio di Arnaldo Mussolini

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Due incantevoli chiese cesenati tutte da scoprire

    • Gratis
    • dal 17 ottobre al 28 novembre 2020
    • chiesa di Santa Cristina e la chiesa di Sant'Agostino
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CesenaToday è in caricamento