Ballerini di tango, hip hop e flamenco nelle fotografie di Boschetti: "Mi ha ispirato mio figlio"

Ogni foto è corredata da un pensiero del protagonista, una frase, una riflessione su cosa vuol dire ballare per lui

Sudore, dinamismo e muscoli ma anche dubbi, paure e sacrifici. "Ce la farò?" si chiede il ballerino prima di uno spettacolo. "Convincerò il pubblico?". Poi si apre il sipario e, per magia, inizia un'emozione. E' così anche la mostra fotografica di Marco Boschetti dal titolo "Emozioni in movimento" aperta da sabato fino al 1 marzo nel salone del Palazzo Comunale dove ballerine in tutù si sfidano a piroettate all'interno della Biblioteca Malatestiana, affascinanti danzatrici di flamenco muovono i loro ventagli sullo sfondo di un'imponente Rocca e i tangheri si aggirano sensuali nella Sala degli Specchi in un gioco di rimandi.

"Ho pensato a questo progetto grazie a mio figlio Enrico, di 14 anni, che balla da quando ne ha 2 - spiega Marco Boschetti, litografo di professione e fotografo appassionato - Infatti la prima foto è stata scattata mentre Enrico aveva finito l'allenamento e si guardava allo specchio stanco e un po' pensieroso. Mi è piaciuta molto che ho pensato di continuare. Così in questo ultimo anno ho fotografato il ballo, anzi tanti tipi di ballo, cercando di raccontare storie e, soprattutto le emozioni di chi lo pratica".

Si va dalla più piccola ballerina di 7 anni al tanghero di 74 anni. Sono 18 i ballerini rappresentati da Marco nelle loro diverse specialità: hip hop, flamenco, tango e danza classica. Ogni foto è corredata da un pensiero del protagonista, una frase, una riflessione su cosa vuol dire ballare per lui. Per questo diventa una mostra didattica, una bellissima carrellata di immagini e di emozioni su una delle attività più primordiali e affascinanti dell'uomo. "Ho voluto lanciare un messaggio di coraggio a tutti i ragazzi e le ragazze che ballano o fanno sport - conclude Boschetti - Ogni disciplina obbliga a fare qualche sacrificio, e nel corso degli anni potrebbero presentarsi anche momenti di scoraggiamento. Ecco, è importante insegnare a questi giovani che le difficoltà si trovano dappertutto e vanno superate. Sono occasioni di crescita, è così che si diventa grandi". Una mostra ideale per le scuole di ogni ordine e grado e per tutti gli appassionati di sport e ballo. Da non perdere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Medicina, moda e ricerca: le tre eccellenze cesenati per il premio Malatesta Novello

Torna su
CesenaToday è in caricamento