Bagno di Romagna, ciclo di incontri sulle dipendenze

Iniziativa organizzata dal Comune di Bagno di Romagna e realizzata con la collaborazione dell’Unità operativa Ser.T di Cesena nell’ambito del progetto di prevenzione delle dipendenze nel Valle del Savio

Prende il via lunedì 26, alle 20,30 nella Sala consiliare a San Piero in Bagno, un ciclo di incontri sulle dipendenze rivolto in particolare a famiglie, insegnanti, adolescenti per conoscere meglio fenomeni che assumono rilevanza patologica, gli strumenti per affrontarli ed i servizi di consulenza e aiuto presenti sul territorio.

Un’iniziativa organizzata dal Comune di Bagno di Romagna e realizzata grazie alla collaborazione e consulenza dell’Unità operativa Ser.T di Cesena nell’ambito del progetto di prevenzione delle dipendenze nel Valle del Savio, per approfondire le tematiche relative alle dipendenze più diffuse nell’età adolescenziale.

Il primo incontro a cura del dottor Gianluca Farfaneti con il quale affronteremo il fenomeno della dipendenza dal gioco d’azzardo, “Quando il gioco non è più gioco”, il secondo appuntamento è previsto Giovedì 19 aprile “L’uso di alcol e sostanze stupefacenti nei giovani” a cura della dottoressa Marusca Stella e del dottor Francesco Rasponi con la quale si cercherà di capire, prevenire ed intervenire queste dipendenze.

Il terzo e ultimo incontro, previsto per giovedì 3 maggio “Rapiti dallo smartphone”a cura del dottor Francesco Rasponi verrà affrontato il tema delle dipendenze tecnologiche nel bambino, nell’adolescente e nel adulto.

 “L’obbiettivo, in linea con la Regione Emilia Romagna,- dichiarano il Sindaco Marco Baccini e l’Assessore servizi per le Persone Enrica Lazzari -  è quello di tutelare le persone più deboli e vulnerabili ecco perché crediamo sia importante insistere sulla Prevenzione, avvicinando le persone a rischio e le loro famiglie ai servizi sanitari, sostenendo e attivando progetti e iniziative con i ragazzi, le famiglie e tutelando i luoghi sensibili come scuole e ospedale”.

“Siamo molto sensibili a questo progetto- continuano Sindaco e Assessore - perchè costituisce una fase fondamentale nell’articolato piano di azioni che si sta attivando per contrastare i diversi tipi di dipendenza, dalla ludopatia al consumo di sostanze, fino i nuovi fenomeni legati all’utilizzo compulsivo dei dispositivi tecnologici. È importante accompagnare le nuove generazioni ad acquisire maggior consapevolezza su questi temi, è il primo passo per prevenire i rischi che recano questi comportamenti e che vedono troppo spesso coinvolti proprio i più giovani.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento