Dai tacos ai burritos: anche il Messico agli "Assaggi" di cibo di strada in Piazza della Libertà

La cucina del Messico, come quella di tutto il Centro America continentale, è derivata dall'incontro dei prodotti del nuovo mondo con quelli del vecchio mondo, dall'antica cucina Maya con quella dei conquistadores spagnoli

Nella prima edizione di “Assaggi di Festival Internazionale del Cibo di Strada”, in programma da venerdì 25 a domenica 27 maggio nella rinnovata Piazza della Libertà a Cesena (dalle 12 fino a tarda serata), ci sarà anche il Messico. A preparare le specialità sudamericane sarà il "Restaurante Revolucion", con una parata dei più tipici mangiari di strada, dai tacos, ai burritos, dalle alitas de pollo ai totopos e guacamole fino alla torta azteca al cioccolato. Il tutto accompagnato da birra e bevande caratteristiche del Messico. Due passi nel gusto dei sapori più tipici di questa straordinaria nazione, quindi, per un appuntamento da leccarsi le dita.

La cucina del Messico, come quella di tutto il Centro America continentale, è derivata dall'incontro dei prodotti del nuovo mondo con quelli del vecchio mondo, dall'antica cucina Maya con quella dei conquistadores spagnoli. A questa base si sono poi aggiunti i prodotti provenienti dall'Africa e da tutte le migrazioni che hanno investito le Americhe. Pollame, pesce, mais, pomodori, peperoni e peperoncini, fagioli, cipolle, frutta tropicale questi sono gli ingredienti principali della cucina messicana; una cucina straordinariamente robusta e straordinariamente saporita. Il fondamento della cucina messicana è senz'altro la tortilla, una sorta di piadina cotta sulla piastra a base di farina di mais (masa harina) oppure di farina di grano. Questa è utilizzata in sostituzione del pane o come contenitore dei più incredibili accostamenti di cibi, che prendono, a seconda della preparazione il nome di tacos, burritos, quesadillas, enchiladas, tostadas, chimichangas e chi più ne ha più ne metta.

Un secondo pilastro della cucina messicana sono i peperoncini, disponibili in un centinaio di varietà con una gradazione di sapori che vanno dal dolce al fuoco infernale. Sulla tavola messicana non possono poi mancare i fagioli, anch'essi disponibili in innumerevoli varietà per innumerevoli usi e preparazioni differenti. I cibi messicani sono quindi particolarmente vari e gustosi sia che si tratti di uno spuntino a base di tacos consumato in mezzo alla strada sia che ci si appresti a gustare un mole plobano considerato la quinta essenza della raffinatezza culinaria messicana. Tacos (tortillas artigianali di mais farcite e piegate a metà) e burritos (sono preparazioni a base di farina di frumento e farcite a piacimento con verdure, pesce, carne o riso. Sono a forma di fagottino o rotolo).

Ecco cosa si potrà trovare in Assaggi

ARGENTINA - Churrasco de angus, empanada criolla, choripan, ecc.

MESSICO - Tacos, burritos, alitas de pollo, totopos sonora, guacamole, ecc.

GIAPPONE – Kushinobo, buns, ecc. 

SICILIA (Palermo) - Pani ca’ meusa, panelle, arancine di riso, cannoli, ecc.

TOSCANA (Firenze) – Lampredotto bollito, trippa alla fiorentina, ecc.

ABRUZZO (Chieti) – Arrosticini di pecora, hamburger di pecora, ecc.

CAMPANIA – Pasticceria napoletana con sfogliata, frolla, babà, coda d’aragosta, pastiera, ecc.

MARCHE (Ascoli Piceno) – Olive all’ascolana e fritto misto all’ascolana ecc.

PUGLIA (Manfredonia, Murgia) – Panzerotti, fornello con gnumarieddi, bombette, ecc.

EMILIA (Parma) – Gnocco fritto (torta fritta) con salumi tipici emiliani, ecc.

E poi: vini e bevande provenienti da ogni territorio.

Musica, animazioni di strada, e tanto altro ancora… con concerti svolti ogni sera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento