Antonio Giosa interpreta Giotto e le forme del sacro

  • Dove
    Galleria Ex Pescheria
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 09/02/2019 al 03/03/2019
    martedì - domenica 16,00 - 19,00, e mercoledì, sabato e domenica 10,30 - 12,30
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Micapoco apre un nuovo anno di attività con una mostra prestigiosa dedicata all’artista Antonio Giosa di Forlì, che dopo la prima esposizione svoltasi al Museo "Casa di Giotto" a Vicchio del Mugello, la mostra "Antonio Giosa. Giotto: le forme del sacro" sarà a Cesena alla galleria Pescheria dal 9 febbraio fino al 3 marzo. L'esposizione, selezionata con il bando per la Pescheria per il biennio 2018-2019, è organizzata dall'Associazione culturale "MicaPoco" e curata dal critico d'arte Silvia Arfelli di Forlì, che aveva realizzato il progetto nel 2017 in occasione del 750° della nascita di Giotto da Bondone. Saranno esposte al pubblico una quarantina di opere da parete e a tutto tondo di varie dimensioni, ispirate ad una rilettura della produzione plastica dello scultore forlivese, in riferimento alle sedimentazioni artistico-visive che ne hanno contaminato il tessuto intellettuale in relazione al primato giottesco, e che si sono espresse poi nella sua poetica.

"Non è azzardato il confronto fra la ricerca scultorea contemporanea ed il solido ed espressivo plasticismo giottesco: la sacralità espressa oltre ogni astrazione, riflette in Giotto sensibilità volumetriche che lo portarono a definire lo spazio come valore, attraverso compiutezze stilistiche e formali che suggeriscono analogie e derivazioni. La mostra ricerca e riallaccia legami filologici: come se Giosa, in un'azione a ritroso, volesse ricondurre a valenza geometrico-simbolica quelle forme che Giotto aveva saputo realizzare "più vere del vero"; ma in mezzo ci sono sette secoli di storia dell'arte, le cui sperimentazioni consentono allo scultore il ritorno ad una rappresentazione essenzialmente scarna e sintetica, che solo in una medesima spiritualità può trovare possibilità interpretative univoche", scrive Arfelli nella presentazione all'esposizione. La mostra "Antonio Giosa. Giotto: le forme del sacro"  rimarrà aperta al pubblico fino al 3 marzo dal martedì alla domenica dalle 16,00 alle 19,00, e nelle mattine del  mercoledì, sabato e domenica 10,30 - 12,30. Chiuso il lunedì.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “100% Federico Fellini”, gli artisti rendono omaggio al grande regista

    • Gratis
    • dal 23 June al 19 September 2020
    • galleria Il Vicolo
  • Dalla fotografia al grande cinema, Cesena omaggia il regista Federico Fellini

    • Gratis
    • dal 27 June al 30 August 2020
    • Galleria d’Arte del Ridotto
  • Il progetto "Mantua, Cuba" di Paolo Simonazzi: l'impensabile legame tra la provincia padana e i Caraibi

    • Gratis
    • dal 1 July al 6 September 2020
    • Galleria Comunale d’Arte “Leonardo Da Vinci”

I più visti

  • Notte Rosa piena di spettacoli: Mongolfiere, Paolo Cevoli, auto a pedali fuochi d'artificio

    • da domani
    • Gratis
    • dal 7 al 9 August 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Fuochi d’artificio, spettacoli itineranti e auto a pedali: la grande festa della Notte Rosa

    • da domani
    • Gratis
    • dal 7 al 9 August 2020
    • piazza Andrea Costa e dintorni
  • Musei e monumenti: tante visite per scoprire la bellezza di Cesena

    • da domani
    • dal 7 al 9 August 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Artigianato e oggetti sorprendenti al Mercatino dei creativi

    • Gratis
    • dal 20 June al 19 September 2020
    • via Baldini e Piazza delle Conserve
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    CesenaToday è in caricamento