Due imprenditori cesenati hanno votato al Parlamento Europeo di Strasburgo

Quello di mercoledì è stato un giorno che non dimenticheranno facilmente. Il coronamento di quello che sono stati capaci di realizzare

Nella foto da sinistra Rocco De Lucia e Ernesto Gentili al Parlamento Europe di Strasburgo.

Rocco De Lucia (Siropack) e Ernesto Gentili (Gentili Technology) ne hanno collezionati di successi non solo economici alla guida delle loro imprese, coadiuvati rispettivamente dalla moglie Barbara e dal fratello Aldo. Hanno creato modelli aziendali di successo internazionale non solo per il profitto. Nelle loro imprese, balzate agli onori della cronaca, il welfare aziendale è stato realizzato spontaneamente, avendo a cuore i propri dipendenti e costruendo di qui il terreno favorevole all’eccellenza imprenditoriale. Ma quello di mercoledì è stato un giorno che non dimenticheranno facilmente. Il coronamento di quello che sono stati capaci di realizzare.

Grazie a Confartigianato di Cesena sono stati protagonisti alla sede del Parlamento Europeo di Strasburgo, insieme ad altri imprenditori  provenienti da 45 paesi europei. Sono divenuti membri del Parlamento Europeo per un giorno, hanno dibattuto e votato su alcuni dei più cruciali temi del dibattito politico, sociale ed economico. Hanno rappresentato idealmente i cinquemila imprenditori del sistema associativo cesenate. Confartiginaato Federimpresa Cesena si complimenta con loro. Hanno tenuto alto il nome delle imprese italiane. L'evento si è tenuto nella sala dell'emiciclo del PE a Bruxelles, con la partecipazione di big della politica dal presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani al presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker.

"Una fortissima emozione e un grande orgoglio entrare in quell’emiciclo con le bandiere degli Stati membri, insieme a imprenditori di tutt’Europa. Grazie di questa grande opportunità", hanno detto Rocco De Lucia ed Ernesto Gentili, al termine della giornata di lavori -. L'obiettivo dell'iniziativa era permettere agli imprenditori dell'Ue di ridurre il gap che esiste fra loro e i diversi attori decisionali a livello europeo, di far conoscere il funzionamento delle istituzioni da vicino e l'impatto che le decisioni prese può avere sulla loro vita quotidiana. Promotrice è  stata Eurochambres, l'associazione delle camere di commercio e industria europee. Il Parlamento delle Imprese è stato composto secondo la stessa struttura del Parlamento Europeo, ovvero 751 imprenditori di cui 73 italiani, più 23 imprenditori provenienti da paesi extra UE".

In tre sessioni sono state affrontate i temi delle competenze, del commercio internazionale e del futuro dell'Europa. "Il nostro auspicio - dicono ancora i due imprenditori cesenati - è che questa iniziativa permetta alle piccole imprese italiane, nei fatti, di avere più voce in capitolo nella legislazione e nei provvedimenti del Parlamento Europeo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento