Martedì, 28 Settembre 2021
Economia

Un quarto di secolo da vetrinista, la storia di Nadia: "Il rilancio? Attraverso la bellezza degli spazi"

Si tiene stretta questa definizione professionale la cesenate Nadia Zoffoli, artigiana creativa associata a Confartigianato Cesena

Un quarto di secolo da vetrinista. Si tiene stretta questa definizione professionale la cesenate Nadia Zoffoli, artigiana creativa associata a Confartigianato Cesena, che dal 1995 opera come specialista della comunicazione visiva e commerciale all’interno del punto vendita, con la sua impresa "Uno più Uno=Undici!". "Il mio lavoro riguarda il visual merchandasing - spiega Nadia Zoffoli - la serie di operazioni per collocare il prodotto all’interno del punto vendita in sintonia con una strategia che investe ambientazione, illuminazione e grafica. Mi occupo di design e decorazione della vetrina e di imprese, showroom, negozi, locali pubblici, dal progetto all’allestimento, con una clientela su tutta la Romagna, in più curo buffet e allestimento di eventi. Da anni sono formatrice per una serie di centri di associazioni territoriali e collaboro con enti e istituzioni".

"Il rilancio dopo la fase più dura della pandemia - aggiunge Zoffoli - richiede per tutti una ridefinizione di strategie e di immagine. L’esposizione di un prodotto in vetrina è un valore aggiunto attraverso il quale l’impresa definisce il suo brand e in questi anni con varie realtà territoriali è nata una proficua collaborazione: showroom, negozi di varie gamme, imprese artigianali, un’ottica ad esempio con cui ogni venti giorni allestiamo la vetrina. Pur con lo sviluppo del commercio online, la vetrina fisica resta il primo biglietto da visita di uno spazio commerciale".

"In questi mesi così complessi - aggiunge - anche la mia azienda sta cercando di ridefinirsi: continuo ad aggiornarmi e ho conseguito la maturità al liceo artistico presentando una tesina che ha preso le mosse dal mio lavoro di designer e vetrinista. La pandemia e la crisi strutturale del commercio al dettaglio non hanno favorito in questi ultimi due anni lo sviluppo delle imprese. Ma la ripresa può essere più facile facendo rete, anche nel settore di cui mi occupo. Prendiamo il nostro bellissimo centro storico di Cesena e quelli delle altre città della Romagna e pensiamo che benefici potrebbe avere un allestimento degli spazi commerciali e delle vetrine in maniera coordinata per vie e piazze, con coerenza di messaggio e di stile e in sintonia con i piani dell’arredo urbano all’esterno".

"Le imprese della comunicazione come quella di Nadia Zoffoli - rimarca il vicesegretario di Confartigianato Giampiero Placuzzi - sono protagoniste nel territorio  fondandosi sui valori tipici dell’artigianato: estro, fantasia, competenza e qualità finalizzate a potenziare l’efficacia del messaggio e dell'immagine. Anche il pubblico deve puntare su di esse per un rilancio in grande stile delle nostra città, con interventi mirati e supportati che rafforzino l’appetibilità della rete distributiva".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un quarto di secolo da vetrinista, la storia di Nadia: "Il rilancio? Attraverso la bellezza degli spazi"

CesenaToday è in caricamento