Verso il congresso della Uilm: "Contrattazione aziendale a rilento"

Contrattazione nazionale e di secondo livello, pensioni e ammortizzatori sociali sono stati al centro del dibattito del Consiglio Territoriale della Uilm di Cesena tenutosi venerdì scorso

Contrattazione nazionale e di secondo livello, pensioni e ammortizzatori sociali sono stati al centro del dibattito del Consiglio Territoriale della Uilm di Cesena tenutosi venerdì scorso presso la sala riunioni della sede UIL per avviare il percorso che porterà la Uilm al 10° Congresso Territoriale che si svolgerà il 16 febbraio 2018, presso il Circolo Endas a Sant’Andrea in Bagnolo. Durante l’incontro il Consiglio Territoriale Uilm ha svolto un consuntivo della politica contrattuale che in questi anni è stata portata avanti e che ha visto, a livello nazionale, la conclusione dei negoziati per i rinnovi contrattuali – purtroppo con la sola ma importante eccezione del CCNL dell’Artigianato – e anche la gestione degli strumenti previsti dai rinnovi contrattuali tra i quali vanno ricordati: il grande sviluppo di MètaSalute, il fondo di assistenza sanitaria integrativa dei metalmeccanici, che ad oggi ha superato il milione e trecento mila iscritti; l’incremento della contribuzione aziendale a Cometa, fondo di previdenza complementare dei metalmeccanici; l’erogazione del “welfare contrattuale” che ha contribuito a dare risposte in termini di reddito e di servizi alle lavoratrici e ai lavoratori metalmeccanici. Sono inoltre stati pianificati gli incontri nazionali delle commissioni per la riforma dell’inquadramento, per le iniziative in materia di salute e sicurezza e per meglio definire le tematiche della formazione professionale.

Sul fronte della contrattazione di secondo livello, dopo il buon avvio del 2016, nel 2017 i tavoli aperti per i rinnovi dei contratti aziendali nel territorio cesenate sono esigui. Ad oggi oltre l’80% delle aziende metalmeccaniche del territorio sopra i 30 dipendenti è priva di contrattazione collettiva aziendale. "Si registra una qualche ritrosia delle aziende a discutere di premi di risultato collettivi, in luogo di una erogazione individuale ad personam, facendo così venire meno per il lavoratore la detassazione al 10% prevista dalle normative di legge", spiega una nota della Uilm.

"Sulle pensioni, il Consiglio Territoriale UILM considera necessario dare continuità alla battaglia sindacale per conseguire ulteriori risultati, oltre quelli già raggiunti, per arrivare all’obiettivo di modificare profondamente l’iniqua legge Fornero. In questa fase occorre monitore da vicino l’iter parlamentare della legge di stabilità al fine di recepire quanto conquistato nel confronto col Governo e, in vista della terza fase, il Consiglio Territoriale della UILM di Cesena invita UILM Nazionale e UIL a profondere il massimo sforzo al fine di allargare le maglie dei lavoratori metalmeccanici da inserire nelle liste dei lavori usuranti e gravosi, oltre a quelli attualmente previsti e definire soluzioni migliorative per donne e giovani", continua la nota.

A sostegno di queste posizioni e per preparare e avviare il percorso successivo alla fase attuale, una delegazione della UILM di Cesena parteciperà all’Assemblea nazionale dei delegati, delegate e quadri della UIL convocata sul tema “pensioni” a Roma giovedì 30 novembre che vedrà la presenza di oltre 2500 quadri e Rsu della Uil. In questa prospettiva, sarà necessario rilanciare l’unita d’azione con Cgil e Cisl per affrontare, insieme, nel prossimo anno, l’importante vertenza sul fisco e il prosieguo del confronto sulla previdenza. E’ altrettanto importante anche insistere sulla necessità di intervenire sugli ammortizzatori sociali perché non è accettabile che dall’anno prossimo molte aziende metalmeccaniche non possano più ricorrere alla cassa integrazione o ai contratti di solidarietà e che quindi ricorrano ai licenziamenti. Questi sono temi attuali e importanti e il percorso congressuale sarà l’occasione per approfondire con iscritte, iscritti e le lavoratrici ed i lavoratori e per definire proposte e soluzioni.
                         

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento