Martedì, 28 Settembre 2021
Economia

Verso il bilancio 2017, Confesercenti incontra il Comune: confermata la "no tax area"

La Confesercenti di Cesena ha richiesto poi la pubblicazione di una guida per il rafforzamento del lavoro già svolto dalla Associazione verso la valorizzazione delle botteghe storiche della città

Il consiglio direttivo della Confesercenti di Cesena ha incontrato il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Tommaso Dionigi per discutere del bilancio di previsione 2017 del Comune di Cesena. L’attenzione si è concentrata, in particolare, sulle azioni riferite a commercio e turismo. Vanni Zanfini e Graziano Gozi, presidente della sede di Cesena e direttore della Confesercenti Cesenate, nella loro introduzione hanno chiesto la diminuzione dell’Imu per le attività strumentali, la riproposizione della “no tax area” e degli incentivi per le nuove imprese, la prosecuzione del progetto Infopoint (nato da una proposta della Confesercenti Cesenate, con l’azzeramento della tassa di occupazione del suolo pubblico) per tutti i pubblici esercizi, con l’estensione alle edicole.

Il consiglio direttivo ha chiesto interventi per il miglioramento dell’arredo urbano a cominciare dalla maggior cura di quello esistente, sia in centro storico sia nelle aree commerciali presenti nei quartieri della città. Zanfini e Gozi hanno espresso apprezzamento per l’iniziativa sperimentale in Corte Zavattini, che vede un intervento dell’amministrazione comunale nei confronti dei proprietari degli immobili commerciali non utilizzati e la creazione di condizioni vantaggiose per le imprese che si insediano nell’area.

La Confesercenti ha chiesto di applicare le stesse condizioni e replicare l’iniziativa alla zona di Piazza della Libertà e alle Gallerie del centro, che stanno soffrendo in maniera maggiore rispetto ad altre aree della città. Confermata da parte dell’Associazione di categoria la richiesta di creazione di un’area di sosta per le auto nella zona del Teatro Bonci e della “movida” cesenate, per un’area divenuta difficilmente accessibile in seguito alla chiusura del parcheggio di Piazza della Libertà e ai problemi strutturali di una parte del parcheggio dell’Osservanza.

La Confesercenti di Cesena ha richiesto poi la pubblicazione di una guida per il rafforzamento del lavoro già svolto dalla Associazione verso la valorizzazione delle botteghe storiche della città, da diffondere attraverso lo Iat e gli Infopoint. Durante l’incontro si è affrontato, inoltre, il tema della sicurezza per le imprese. Zanfini e Gozi hanno chiesto che le risorse derivanti dall’accordo per l’ampliamento del Montefiore e dall’affitto della nuova caserma dei Carabinieri siano utilizzate per tutte le azioni necessarie a sostenere le imprese e l’arredo urbano.

Nella loro replica, Lucchi e Dionigi hanno confermato l’impegno al mantenimento delle agevolazioni della no tax area, degli incentivi alle neo imprese e la prosecuzione del progetto Infopoint, mettendo a disposizione nuove risorse. Disponibilità è stata espressa, inoltre, ad intervenire sull’arredo urbano in centro e nei quartieri e a replicare il progetto applicato su Corte Zavattini anche in altre aree, a partire da Piazza della Libertà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso il bilancio 2017, Confesercenti incontra il Comune: confermata la "no tax area"

CesenaToday è in caricamento