Utenze in difficoltà: oltre 6mila bonus sociali e 24mila bollette rateizzate

Sullo stesso territorio, nel corso del 2017, sono stati inoltre erogati oltre 6 mila bonus sociali sui servizi energetici

Nel forlivese e cesenate i sostegni tariffari alle utenze in difficoltà nel 2017 si sono tradotti in  24 mila bollette rateizzate, per un valore complessivo pari a quasi 12 milioni di euro. A fornire il dato è Hera. Di tale iniziativa beneficiano non soltanto clienti domestici ma anche professionisti e aziende. In particolare sono state più di 500 le utenze business che hanno beneficiato di questa agevolazione. Sullo stesso territorio, nel corso del 2017, sono stati inoltre erogati oltre 6 mila bonus sociali sui servizi energetici, dei quali 2,2 mila per l’energia elettrica e quasi 3,9 mila per il gas, per un valore totale di oltre 540 mila euro.

Il gruppo informa inoltre che gli sportelli di Forlì, Cesena e Cesenatico, in particolare, nel 2017 hanno registrato la presenza di oltre 100 mila clienti, con una media di attesa inferiore ai 10 minuti. Non è da meno il call center, che a livello di Gruppo nel 2017 ha gestito 3,5 milioni di chiamate, con tempi medi di attesa di 34 secondi per le famiglie e 38 secondi per le aziende. In questo senso, su tutti i territori serviti vanno segnalate anche le ottime performance dei servizi di pronto intervento acqua, con il 93,1% delle chiamate prese in carico entro 120 secondi, e del pronto intervento gas, dove questa percentuale sale al 97,5%, con un tempo medio di arrivo sul luogo di chiamata che supera di poco la mezz’ora. Più del 20% dei clienti, poi, riceve la bolletta on-line, determinando un risparmio di 10 milioni di fogli di carta e la mancata emissione di 180 tonnellate di CO2. Le competenze digitali di tutti, d’altronde, evolvono ed Hera accompagna con slancio questa transizione: già 296 mila clienti, pari al 19,8% del totale, sono infatti iscritti ai servizi di Hera on-line e dall’anno scorso la nuova app My Hera, che si aggiunge al Rifiutologo e all’Acquologo, aiuta il cliente a gestire tutte le utenze dal palmo della propria mano.

Prosegue, al contempo, l’impegno sulla trasparenza e la correttezza della condotta commerciale, un fronte su cui Hera non si limita a rispettare gli obblighi di legge, aggiungendo altre misure per tutelare ancora di più il cliente, verificando la qualità del canale di vendita – domiciliare e telefonico – e semplificando le procedure per l’esercizio del ripensamento. Non è un caso, dunque, che l’indice di soddisfazione rilevato attraverso quasi 6 mila interviste telefoniche sia ottimo per tutti i servizi, attestandosi a una media di 75/100. "Uno dei segreti, oltre ai tanti investimenti, risiede nell’orientamento all’innovazione, come quella espressa dal polo tecnologico di via Balzella 24 a Forlì, struttura che consente a Hera di controllare le proprie reti su tutto il territorio in modo capillare e tempestivo, garantendo la continuità di servizi essenziali per la qualità della vita di tutti - viene specificato -. In questo senso, vanno segnalate le ottime performance dei servizi di pronto intervento acqua, con il 93,1% delle chiamate prese in carico entro 120 secondi, e del pronto intervento gas, dove questa percentuale sale al 97,5%, con un tempo medio di arrivo sul luogo di chiamata che supera di poco la mezz’ora".

"Nell’insieme, tutte queste attività fanno capire come l’attenzione al cliente, se concreta e articolata, contribuisce ad elevare i profili di cittadinanza delle persone, dando loro la possibilità di abitare un territorio servito, sicuro e interconnesso. Nelle comunità dei territori, del resto, Hera trova da sempre una pluralità di interlocutori attivi, come testimoniato – ad esempio - dal contributo delle tante Onlus assieme alle quali Hera dà vita a progetti di successo sul riuso di mobili e ingombranti ancora in buono stato e sul riutilizzo di farmaci non ancora scaduti", viene osservato. Un occhio di riguardo, infine, è riservato anche alle scuole, con progetti dedicati di educazione ambientale rivolti ogni anno a 100 mila studenti di ogni ordine e grado e una nuova iniziativa – Digi e Lode – che in favore di 40 istituti ha già erogato premi per 100 mila euro, che contribuiranno alla digitalizzazione delle scuole stesse. "Il tutto senza dimenticare i tanti progetti di alternanza scuola-lavoro – 80 nel solo 2017 – con cui l’azienda aiuta ragazze e ragazzi a conoscere logiche e dinamiche di varie professioni", viene ricordato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento