"Una sola voce in economia" a favore delle Pmi

Una selezione darwiniana delle imprese da finanziare e sostenere, penalizzando in particolare quelle più piccole, è un grave errore che rischia di impoverire il territorio

Una selezione darwiniana delle imprese da finanziare e sostenere, penalizzando in particolare quelle più piccole, è un grave errore che rischia di impoverire il territorio. 

Lo sostiene "Una sola voce per l'economia", sigla che riunisce le principali associazioni di categoria di Forlì-Cesena. “Una sola voce” esprime il proprio appoggio all'idea di ripristinare un rapporto virtuoso con le aziende attraverso un accordo concreto, veloce e misurabile fra soggetti pubblici e privati al fine di facilitare l'accesso al credito delle piccole e medie imprese.



La situazione per quel che attiene l'accesso al credito è diventata molto seria per la tenuta del nostro tessuto economico. Alla necessità delle imprese di ottenere finanziamenti per sostenere una liquidità precaria legata ai ritardi costanti dei pagamenti (dal momento che la giustizia civile, con i suoi tempi biblici, non riesce a tutelare i diritti dei creditori), si unisce troppo spesso la beffa di veder peggiorare le proprie condizioni bancarie. 

Le imprese di Forlì-Cesena continuano a mantenere un tasso di correttezza e di legalità (vale a dire di rispetto degli impegni assunti) superiore a quello di altre province.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciò mette in luce un tessuto imprenditoriale sano e tenace nel voler continuare a creare ricchezza e valore aggiunto, condizioni indispensabili per garantire occupazione, coesione sociale e benessere diffuso.

 Alle banche pertanto “Una sola voce” chiede un approccio non ragionieristico alla questione dei finanziamenti alle imprese, bensì un atteggiamento lungimirante che sostenga il tessuto produttivo rifuggendo dalla tentazione di pensare che la logica della selezione naturale delle imprese sia una soluzione al problema e che solo alcune tipologie di impresa meritino di essere sostenute e finanziate.

In questo senso “Una sola voce” torna con forza a sollecitare una politica del credito adeguata a superare la crisi e che ciò sia un passaggio fondamentale per garantire in futuro nuovi investimenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento