Trevi chiude il bilancio 2014: si conferma un gigante da 1,2 miliardi di ricavi

Il Consiglio di Amministrazione di TREVI - Finanziaria Industriale S.p.A., Holding del Gruppo TREVI, tra i protagonisti mondiali nel settore dell'ingegneria del sottosuolo e nella produzione delle macchine per fondazioni e perforazioni

Il Consiglio di Amministrazione di TREVI - Finanziaria Industriale S.p.A., Holding del Gruppo TREVI, tra i protagonisti mondiali nel settore dell’ingegneria del sottosuolo e nella produzione delle macchine per fondazioni e perforazioni, ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2014. A livello consolidato l’esercizio 2014 ha evidenziato ricavi totali pari a 1.250,7 milioni di euro in diminuzione del 2,0% rispetto ai 1.275,8 milioni di euro raggiunti nel 2013.


 

Il valore della produzione è diminuito nell’esercizio del 2,1% rispetto all’anno precedente attestandosi a 1.283,1 milioni di Euro. L’EBITDA è pari a Euro 126,4 milioni (10,1% sui Ricavi Totali) contro 143,8 milioni dello scorso esercizio. L’EBIT raggiunge 62,6 milioni (5,0% sui Ricavi Totali) contro 80,3 milioni dello scorso esercizio.

Il risultato ante imposte e ante risultato di terzi è pari a 35,3 milioni rispetto a Euro 43,8 milioni evidenziati nel 2013; l'utile netto di Gruppo è pari a24,4 milioni (Euro 13,8 milioni nell’esercizio precedente). L’indebitamento finanziario netto è pari a 379,3 milioni rispetto al dato al 31 dicembre 2013 in cui si attestava a Euro 442,9 milioni.


 

Il patrimonio netto totale si attesta ad 666,7 milioni rispetto ai 430,9 milioni dell'anno precedente. Il portafoglio ordini ammonta ad 1.107,4 milioni in aumento del 26,2% rispetto al livello raggiunto al 31 dicembre 2013 pari a 877,4 milioni di Euro. Il Presidente Davide Trevisani ha così commentato: “Il 2014 è stato un anno di grandi cambiamenti per il Gruppo. Siamo riusciti a completare, con successo, un aumento di capitale rafforzando patrimonialmente Gruppo ed abbiamo chiuso l’Esercizio con oltre un miliardo di portafoglio lavori. Il Gruppo ha registrato ricavi sullo stesso livello dell’anno precedente e l’Utile di pertinenza è incrementato di oltre 77% rispetto allo scorso anno. L’indebitamento Finanziario Netto si è ridotto del 34% rispetto al terzo trimestre 2014. Il Gruppo TREVI ha acquisito un significativo volume di nuovi contratti che assicurano un sostenuto livello di attività per l’esercizio in corso. Il settore delle fondazioni ha registrato margini operativi significativi ed il livello di nuove commesse è stato tra i più alti mai registrati. La divisione TREVI infatti ha un portafoglio lavori di circa 500 milioni di euro ed il mercato delle costruzioni continua a mostrare tassi di crescita molto interessanti a livello mondiale. Il settore Oil & Gas ha mostrato segni di flessione nel mese di dicembre a causa della caduta del prezzo del petrolio ma la divisione Drillmec è riuscita ad acquisire importanti commesse in Nord Africa e Medio Oriente dove i costi d’estrazione sono significativamente più bassi. Rimaniamo fiduciosi che con la stabilizzazione dei mercati e con la crescita del settore fondazioni il Gruppo riuscirà a crescere sia in termini di ricavi che di marginalità”.


 

La Società Capogruppo “TREVI – Finanziaria Industriale S.p.A.” ha chiuso l’esercizio 2014 con un UTILE NETTO pari a Euro 7,2 milioni rispetto ad Euro 9,7 milioni dell’esercizio 2013. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea degli Azionisti un Dividendo di euro 0,07 per azione per complessivi Euro 11.534.829 con utilizzo di riserve per totali euro 4,968,539 con data stacco il 6 Luglio 2015 e messa in pagamento il 8 Luglio 2015. La record date che legittima al pagamento del dividendo sarà il 7 luglio 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento