Economia

Trevi, aumento di capitale: conclusa in anticipo l'offerta in Borsa dei diritti di opzione non esercitati

L'azienda: "Risultano venduti tutti i 1.065.436 diritti di opzione non esercitati nel periodo di offerta"

Si è conclusa in anticipo l'offerta in Borsa dei diritti di opzione non esercitati. A comunicarlo è l'azienda Trevi che rende noto che, "nel corso della prima e della seconda seduta dell’offerta in Borsa tenutesi, rispettivamente, in data 21 e 22 maggio, risultano venduti, per un controvalore complessivo pari a Euro 106,54, tutti i  1.065.436 diritti di opzione non esercitati nel periodo di offerta, che attribuiscono il diritto alla sottoscrizione di  8.415.878.964 azioni ordinarie di nuova emissione Trevifin". 

Spiega una nota: "L’esercizio dei Diritti Inoptati acquistati nell’ambito dell’offerta in Borsa e, conseguentemente, la sottoscrizione delle azioni in offerta dovranno essere effettuati, a pena di decadenza, entro e non oltre il terzo giorno di Borsa aperta successivo a quello di comunicazione della chiusura anticipata e, quindi, entro e non oltre il 27 maggio 2020.  I Diritti Inoptati potranno essere utilizzati per la sottoscrizione delle Azioni in Offerta – aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e godimento regolare – al prezzo di Euro 0,01 per azione, nel rapporto di  7.899 Azioni in Offerta ogni n. 1 Diritto Inoptato detenuto, per un controvalore complessivo pari a Euro 84.158.789,64". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trevi, aumento di capitale: conclusa in anticipo l'offerta in Borsa dei diritti di opzione non esercitati

CesenaToday è in caricamento