Tessile in grande difficoltà: "Servono politiche per la crescita"

La fotografia che emerge dall’ultima ricerca condotta dalla Federazione Italiana Settore Moda – Fismo Confesercenti (che rappresenta circa 26.000 aziende sul territorio nazionale) non è confortante

La fotografia che emerge dall’ultima ricerca condotta dalla Federazione Italiana Settore Moda – Fismo Confesercenti (che rappresenta circa 26.000 aziende sul territorio nazionale) non è confortante: l’intera filiera del settore tessile abbigliamento è in grande difficoltà, colpa della crisi economica nazionale ma anche della mancanza di una politica di sostegno nei confronti della piccola e media impresa del Made in Italy.

Il presidente nazionale Fismo Confesercenti Roberto Manzoni è intervenuto sulla situazione critica del settore tessile e abbigliamento chiedendo espressamente al governo una politica di sostegno nei confronti delle aziende, non solo sul fronte del taglio dei consumi e della pressione fiscale ma anche con un’azione di rilancio che favorisca la crescita.

“È chiaro che le misure messe in atto dai singoli imprenditori non possono essere risolutive – dichiara la presidente della Fismo Confesercenti Cesenate Patrizia Greco –. Contenimento dei prezzi, diversificazione dell’offerta, vendite straordinarie sono interventi-tampone per contrastare la crisi ma non possono essere la risposta”.

“I dati della ricerca di mercato parlano chiaro – prosegue Patrizia Greco -, l’anno 2011 è stato un anno terribile per tre esercenti su quattro; i primi mesi del 2012 a livello nazionale sono stati leggermente migliori, nel nostro territorio ancora peggio. A livello nazionale sono le grandi città a soffrire meno, mentre nei piccoli centri la recente politica di liberalizzazione degli orari e la concorrenza delle grandi catene di distribuzione sta mettendo in ulteriore difficoltà i negozi storici. A questo si aggiunge la diminuzione della capacità di acquisto delle famiglie che se nel 2008 destinavano all’abbigliamento e alle calzature l’8% della quota di spesa, nel 2011 ne hanno destinato il 5,8%. Sono circa 40.000 le imprese del comparto che hanno chiuso dal 2009 al 2011 (su circa 158.000 aziende a livello nazionale)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Gli esercenti, che continuano a resistere senza sacrificare la qualità dell’offerta - conclude la presidente Fismo Confesercenti Cesenate - hanno quindi più che mai bisogno di politiche di rilancio dell’economia e dei consumi: l’89% chiede interventi sulla pressione fiscale mentre il 90% è contrario alle aperture indiscriminate, che fanno lievitare i costi ma non le vendite”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cesenatico, un altro positivo nelle ultime 24 ore: è un caso sintomatico

  • Violento impatto tra l'auto e la bici, gravissima la 57enne. Si cercano testimoni oculari

  • Cesenatico, due positivi al Coronavirus in Comune: tampone per tutti i dipendenti

  • Guida ubriaca tra la folla a zig-zag tra i pedoni, tasso alcolemico 5 volte sopra il limite: denunciata

  • Urla e botte, la furiosa lite tra coinquilini prosegue in strada: arrivano i Carabinieri

  • Coronavirus, di rientro dalle vacanze in Grecia: un nuovo positivo nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento