Doppio prestigioso riconoscimento per Tenuta Casali di Mercato Saraceno

Nato a partire dai vigneti dell’omonimo podere, il sangiovese superiore Baruccia è stato imbottigliato per la prima volta da Tenuta Casali nel 1998

Doppio brindisi per Tenuta Casali, che con uno dei suoi vini di punta conquista nel giro di pochi giorni due importanti premi. Il sangiovese superiore Baruccia 2012 è infatti tra i vincitori del Concorso enologico nazionale “Premio Douja D’Or” e tra i vini eccellenti della nuova guida “Emilia Romagna da Bere” dei sommelier regionali di Ais. Nato nel 1967 nella città di Asti, il Premio Douja d’Or premia ogni anno il meglio della produzione Doc e Docg italiana, celebrando le etichette selezionate in occasione del grande salone nazionale del vino che la seconda settimana di settembre riunisce migliaia di operatori del settore e wine lover provenienti da tutto il mondo.

Sono 513 i vini dalla Valle d’Aosta alla Sicilia che nel 2014 potranno fregiarsi dell’ambito bollino con la “Douja”, l’antico e panciuto boccale che nei secoli scorsi veniva servito nelle osterie piemontesi: unico selezionato per la provincia di Forlì-Cesena, il Baruccia è riuscito a conquistare per il secondo anno consecutivo il premio, impresa mai riuscita a una cantina romagnola. Ma il sangiovese superiore di Mercato Saraceno si conferma anche profeta in patria, rientrando tra i 97 vini di eccellenza (tra gli oltre 1.000 in gara) della guida “Emilia Romagna da Bere 2014-2015), presentata nei giorni scorsi a Bologna. In un’edizione della guida che vede in calo il numero delle produzioni da oscar del territorio cesenate, gli “intensi profumi fruttati e minerali” del Baruccia, abbinati a un “sorso fresco e dinamico”, hanno conquistato la giuria dei sommelier regionali.

Il vino premiato – Nato a partire dai vigneti dell’omonimo podere, il sangiovese superiore Baruccia è stato imbottigliato per la prima volta da Tenuta Casali nel 1998. Le uve, 100% sangiovese, sono selezionate da un unico vigneto he giace su un terreno dove predomina l’argilla bianca tipica del calanco romagnolo. Rese minime, potatura a guyout e vendemmia manuale sono le scelte fatte da Tenuta Casali per ottenere un prodotto di ridotta quantità (7.000 bottiglie circa) ed elevata qualità, in grado di competere con i migliori vini rossi nazionali. Il passaggio in barrique e in acciaio e l’affinamento in bottiglia regalano nel tempo profumi complessi e sapori intensi e persistenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento