menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teleriscaldamento all'ospedale "Bufalini": quando il calore diventa green

Offre un servizio essenziale per i cittadini, a basso impatto ambientale. E dà un netto contributo al taglio delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera. E’ il teleriscaldamento

Offre un servizio essenziale per i cittadini, a basso impatto ambientale. E dà un netto contributo al taglio delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera. E’ il teleriscaldamento, una tecnologia nata più di un secolo fa e che oggi vive una seconda giovinezza: si sta diffondendo in tutto il mondo, in particolare nelle grandi città. E’ un sistema di riscaldamento urbano che funziona con l’acqua, scaldata in centri di produzione alimentati da diverse fonti, in gran parte rinnovabili e disponibili sul territorio, quindi a km zero.

A questo tema è dedicato il nuovo Dossier Hera, che riapre la serie di approfondimenti sul web messi in campo dalla multiutility a partire dallo scorso anno. Il dossier è on line su www.gruppohera.it/dossier e contiene articoli, infografiche, fotogallery, videointerviste, insieme a un piccolo glossario per districarsi tra i termini tecnici.

Il “tele” ha le potenzialità per tagliare 400 milioni di tonnellate di CO2 all’anno

Il Dossier spiega che cos’è il teleriscaldamento e quali sono i benefici che comporta il suo uso. Il cittadino, ad esempio, non deve pensare alle manutenzioni degli impianti: se ne occupa il gestore. Per l’ambiente i vantaggi sono concreti, perché si ottiene un netto taglio delle emissioni inquinanti. La Commissione Europea infatti raccomanda l’uso del teleriscaldamento: studi recenti confermano che raddoppiando la volumetria oggi servita in Europa con questo sistema (555 TWt, circa 55 milioni di appartamenti), si risparmierebbe il 2,6% di energia primaria e si ridurrebbero del 9,3% le emissioni di CO2 (circa 400 milioni di tonnellate all’anno).

Un mondo che si teleriscalda

Molti sono gli spunti contenuti nel dossier legati allo scenario internazionale: da New York a Reykjavik, senza dimenticare Amburgo, Copenhagen, Vienna, Brescia e Ferrara. Una panoramica sulle esperienze ‘eccellenti’ nel mondo e sull’uso nel teleriscaldamento di fonti anche molto diverse tra loro, come la geotermia o la termovalorizzazione. Le informazioni sono corredate da una fotogallery che contiene immagini dal mondo.

Anni 70: il teleriscaldamento arriva in Italia

E’ proprio sul territorio in cui opera Hera, a Modena, che è nata nel 1970 la prima rete di teleriscaldamento in Italia. La rete, tuttora al servizio del Quartiere Giardino, è stata realizzata dal Comune e poi affidata in gestione all’azienda AMCM, poi confluita in Hera. A stretto giro è arrivata Brescia, nel 1971, con un progetto all’avanguardia a livello internazionale che ora serve il 70% degli edifici urbani.

Hera: in Emilia-Romagna teleriscalda oltre 80 mila appartamenti

I servizi di teleriscaldamento gestiti da Hera sono presenti in varie città dell’Emilia-Romagna: a Cesena c’è l’Energy House dell’Ospedale Bufalini, a Ferrara serve 22.000 utenze, a Modena oltre 3.500 appartamenti sono tele riscaldati, a Imola il 20% della città è servito da teleriscaldamento. Sul Dossier è disponibile un panoramica di tutti i progetti del Gruppo.

Cesena, un’Energy House all’avanguardia

Con la messa a regime dell’Energy House del Polo Bufalini, inaugurata l’8 marzo 2012, dopo quelli ex Zuccherificio e Montefiore, è stata completata la prima fase del ‘Progetto Teleriscaldamento’, oggetto di un accordo fra Amministrazione Comunale e Hera, che vede servite o servibili le zone principali della città.

La nuova “Centrale Polo Bufalini” o “Energy House”, realizzata in un’area privata di proprietà Hera adiacente al nosocomio cesenate, è un impianto che fornisce energia termica (sotto forma di acqua calda, acqua refrigerata e vapore) a tutto il Polo Ospedaliero, privilegiando la sostenibilità ambientale. L’impianto è progettato per servire nel tempo anche altre utenze a partire dagli edifici pubblici e nuove lottizzazioni presenti in zona.  La potenza termica complessiva è superiore ai 15 MW e il costo dell’intervento si aggira sui 6 milioni di Euro, interamente sostenuti da Hera Spa.

I vantaggi del Teleriscaldamento per l’Azienda USL di Cesena

Oltre agli oggettivi vantaggi ambientali offerti dal teleriscaldamento e dalla cogenerazione, l’attivazione dell’Energy House, oltre ad offrire inoltre maggiori garanzie di continuità nell’erogazione del servizio, consente all’Azienda USL di Cesena di concentrare in un unico polo tecnologico tutto il sistema di produzione delle forniture di acqua calda e vapore, evitando di effettuare investimenti per il rinnovo e il potenziamento degli impianti di riscaldamento esistenti, per un importo di  circa 1.450.000,00 euro, investimenti che sarebbero stati necessari considerata l’obsolescenza delle caldaie.

Tutti i Dossier 2012 ancora disponibili sul web

Del Dossier Hera sul teleriscaldamento, come accaduto con quelli dedicati ad acqua, smart cities e rifiuti, sarà pubblicata una sintesi sui principali quotidiani della regione e sulle loro edizioni web. Tutti i numeri del Dossier sono sempre consultabili on line, sul sito della multiutility (https://www.gruppohera.it/dossier).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento