menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tari, incontro tra la Confesercenti e il Movimento 5 Stelle

Si è svolto, nei giorni scorsi, un incontro fra Movimento 5 Stelle e Confesercenti Cesenate per discutere della Tari

Si è svolto, nei giorni scorsi, un incontro fra MoVimento 5 Stelle (presenti la Capogruppo in Consiglio Comunale, Natascia Guiduzzi e Andrea Suzzi Barberini) e Confesercenti Cesenate (con il direttore, Graziano Gozi e il responsabile Area Ambiente, Angelo Spanò) per discutere della Tari, la tassa sui rifiuti divenuta uno dei temi più spinosi per le piccole e medie imprese, in particolare per bar, ristoranti, alberghi e settore alimentare. 

“Basta pensare che per il solo Comune di Cesena il gettito fra famiglie e imprese è di oltre 16 milioni di euro. Confesercenti Cesenate, che ha appena concluso un ciclo di incontri sull’argomento, ha presentato lo studio dettagliato attraverso il quale sono analizzati e comparati i costi delle principali categorie del commercio e turismo nei diversi comuni del cesenate. L’Associazione ha avanzato le proprie proposte e considerazioni in merito: costo per le imprese esagerato e sproporzionato rispetto alla quantità dei rifiuti prodotti; il costo non tiene conto del sistema di smaltimento già avviato da parte di numerose imprese, in particolare da parte di quelle che producono rifiuti speciali; uniformare le tariffe su tutti i comuni del comprensorio cesenate; inserimento delle somme recuperate dalla evasione nei piani finanziari del servizio (e non nelle spese correnti del bilancio comunale), al fine di diminuire il costo a carico di tutti gli utenti; maggior equilibrio dei costi fra settore domestico e produttivo, che appare troppo svantaggiato; inserimento nella stessa categoria per attività similari come bar e circoli o ristoranti e agriturismi” si legge in una nota di Confesercenti.

Gozi e Spanò, hanno auspicato che “a seguito dell’avvio delle procedure si arrivi rapidamente alla pubblicazione del bando di gara per lo svolgimento del servizio attualmente in capo ad Hera sulla base di una proroga, ritenendo la concorrenzialità uno degli elementi che potranno portare a ridurre i costi. Hanno chiesto, infine, massimo impegno per giungere alla “tariffa puntuale”, vale a dire il pagamento sulla base dei rifiuti effettivamente prodotti” 

Gli esponenti del MoVimento 5 Stelle hanno apprezzato lo studio, ritenendolo un utile strumento di lavoro ed hanno ribadito l’importanza e l’impegno che da tempo stanno dedicando all’argomento. Guiduzzi e Suzzi Barberini hanno sostenuto “che Hera sia diventata a tutti gli effetti una s.p.a. che si pone l’obiettivo di raggiungere profitti per gli azionisti e che in questa logica i Comuni non siano più capaci di controllarne l’operato. I 5 Stelle hanno manifestato l’esigenza di maggiore chiarezza rispetto ai risultati della raccolta differenziata, che avrebbe dovuto portare ad una riduzione dei costi grazie al riutilizzo dei rifiuti mentre in realtà i costi continuano ad aumentare”. Guiduzzi e Suzzi Barberini hanno affermato “che Atersir, in qualità di soggetto preposto a verifiche e controlli, dovrebbe svolgere in maniera più efficace il proprio compito. Infine, gli esponenti del Movimento 5 Stelle hanno affermato che diverse indicazioni di Confesercenti Cesenate sono condivisibili mentre altre sono già contenute nelle proposte su cui sta discutendo il MoVimento, a partire dall’impegno per il raggiungimento della “tariffa puntuale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento