rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Sindacati

Si è riunito il consiglio territoriale della Uilm: "Rilanciare i redditi da lavoro, diminuire le disuguaglianze"

Dal dibattito ne è scaturito un quadro difficile che ha messo in evidenza la necessità di rilanciare i redditi da lavoro e le pensioni", illustra Ronconi

Si è riunito il Consiglio Territoriale della Uilm di Cesena, l'organismo direttivo del Sindacato Metalmeccanici della Uil Cesenate, alla presenza del segretario generale della Uilm di Cesena Fabrizio Ronconi, del segretario generale della Uil Emilia Romagna Giuliano Zignani, del segretario generale della Cst Uil di Cesena Marcello Borghetti e di Chiara Rossi, responsabile dell’Ital (patronato) della Cst Uil di Cesena in presenza di tutte le delegate e di tutti i delegati delle aziende Metalmeccaniche più rappresentative del territorio cesenate.

Dal dibattito ne è scaturito un quadro difficile che ha messo in evidenza la necessità di rilanciare i redditi da lavoro e le pensioni - illustra Ronconi -.  Non C’è più tempo da perdere. Servono interventi urgenti e concreti per le famiglie in difficoltà. L’ importanza degli aumenti salariali e delle pensioni è fondamentale in un momento così critico per le famiglie a causa dell’alta inflazione che ha diminuito fortemente il potere D’acquisto. Ribadiamo che i redditi da lavoro e da pensioni vanno aumentati e bisogna rinnovare tutti i contratti integrativi aziendali !!!e laddove non ci sono costruirli".

"Inoltre è stata rilevata una situazione lavorativa molto difficile, con tanto precariato, poche stabilizzazioni e una gravissima e inaccettabile situazione di infortuni e morti sul lavoro - prosegue Ronconi -. Nei primi 9 mesi del 2022 le aziende in cui sono state riscontrate irregolarità dopo ispezioni a livello nazionale sono all’ 83%, questa è una situazione non tollerabile, La sicurezza prima di tutto. Dal confronto con il governo ci aspettiamo concrete misure a sostegno dei redditi da lavoro e da pensioni e occorre intervenire subito con detassazione della 13esima e la detassazione degli aumenti contrattuali. Le misure di sostegno alle imprese, invece, devono essere condizionate alla stabilizzazione del lavoro per contrastare la precarietà".

"La Uil e la Uilm come sempre valuteranno sul merito delle scelte adottate dal nuovo governo, auspicando che il metodo del confronto produca un cambio di passo sui temi dei redditi, dello sviluppo e del lavoro di qualità in un quadro di forte affermazione della legalità - conclude Ronconi -. Le Battaglie della Uil e della Uilm continueranno per dare voce a proposte che servano a una giustizia sociale, in un mondo dove ancora oggi si vivono troppe diseguaglianze inaccettabili e insopportabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si è riunito il consiglio territoriale della Uilm: "Rilanciare i redditi da lavoro, diminuire le disuguaglianze"

CesenaToday è in caricamento