Shopping di Natale, l'appello di Confcommercio: "Comperate nei negozi della città"

"Confcommercio chiede, potendo e volendo, fatta salva la libertà insindacabile di ciascuno, di privilegiare gli acquisti nei negozi della città", è l'appello di Patrignani

Con la festa dell'Immacolata il commercio natalizio entro nel vivo e campeggerà fino all'Epifania. "Il mese più bello dell'anno, per fare acquisti. Che in queste settimane chiamiamo doni, non a caso - premette Augusto Patrignani, presidente Confcommercio cesenate -. Si possono imporre i consumi e gli acquisti natalizi? Ovvio che no, è una pratica libera e piacevole, proprio per la libertà che presuppone. Ma si possono orientare, motivando l'appello".

"Confcommercio chiede, potendo e volendo, fatta salva la libertà insindacabile di ciascuno, di privilegiare gli acquisti nei negozi della città: per salvaguardare la rete distributiva che soffre, per impedire che la città si spenga con l'assottigliarsi e il venir meno delle attività commerciali, per ricompensare i negozianti della straordinaria profusione di forze che assicurano nel periodo natalizio luminarie, addobbi, iniziative e servizi di primo livello; per garantirsi la qualità delle merci vendute e dei servizi erogati", aggiunge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I negozi sono le luci della città. Tutto l'anno. A Natale ancora di più. I negozi sono un servizio, anche sociale - prosegue -. I negozianti vanno tenuti stretti, coccolati: da chi amministra, con provvedimenti adeguati e da chi acquista con scelte consapevoli. Certo: siamo liberi di acquistare dovunque, nei negozi fisici, in quelli virtuali on line, nelle grandi strutture. Ed è il bello della libertà. Ma se per Natale vogliamo fare un dono anche alla nostra città, alla nostra Cesena, privilegiamo gli acquisti nei piccoli negozi del centro e della periferia, in quelli di vicinato, che sono la spina dorsale della vita sociale cittadina. Senza di essi, che città sarebbe? Viva i negozianti in carne ed ossa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento