Sementiero a Cesena: C.A.C. liquida 17 milioni di euro ai soci

È stata un'annata non tra le migliori per il settore sementiero, a causa soprattutto dell'andamento climatico, ma Cooperativa Agricola Cesenate chiude il bilancio 2013 con numeri superiori alle previsioni

È stata un'annata non tra le migliori per il settore sementiero, a causa soprattutto dell'andamento climatico, ma Cooperativa Agricola Cesenate chiude il bilancio 2013 con numeri superiori alle previsioni: valore della produzione oltre i 30 milioni di euro e una liquidazione agli agricoltori soci di 17 milioni, con una percentuale di remunerazione del 56%. A questa cifra va sommato un ulteriore milione per materiale vivaistico prodotto dai soci e acquistato dalla cooperativa.

Il fatturato raggiunge i 43 milioni se si considera l'intero gruppo, in cui rientrano anche il consorzio Sativa (che tratta prodotti per ditte sementiere nazionali ed estere), L'Ortolano srl (rivendite agrarie e professionali), Organica srl (prodotti finiti per la grande distribuzione), Planta e Ljubo seme (rivolte al mercato sloveno).

Il bilancio sarà presentato domenica 4 maggio all'assemblea dei soci dal presidente Giovanni Piersanti. L'appuntamento è alle 9 presso lo stabilimento di via Calcinaro a Cesena. Tra gli ospiti è atteso anche il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, Paolo De Castro. Sono più di 2.200 gli agricoltori associati a C.A.C. in tutta Italia. Nel 2013 hanno coltivato 4.436 ettari di sementi e la previsione per il 2014 è di portare questa superficie a più di 4.900 ettari

Se si considera l'intero gruppo e le società collegate, C.A.C. l'anno scorso ha impiegato più di 280 persone tra fissi e stagionali, con un monte stipendi complessivo di 8,5 milioni di euro. L'utile, al netto della liquidazione ai soci e delle spese, è di circa 480mila euro. Il patrimonio netto cresce fino a 19,2 milioni di euro.

«La nostra politica negli ultimi tre anni - spiega  Piersanti - ha avuto un solo obiettivo: posizionarsi nel mercato della moltiplicazione sementiera come azienda efficiente e di qualità, seguendo tre linee guida: incrementare i prezzi,  contenere i costi, e investire in ammodernamenti tecnologici e logistici. Anche nel 2013 abbiamo investito più di 5,7 milioni di euro, senza mai perdere di vista la prudenzialità economica di bilancio, ma soprattutto evitando che gli investimenti impattassero negativamente nella linearità delle liquidazioni», spiega. Anche la gestione finanziaria, per il secondo anno consecutivo, è positiva. «Un altro dato importante che emerge dal bilancio è la capacità della cooperativa di generare liquidità, che tra ammortamenti, accantonamenti, fondo rischi e fondo riserva ammonta a 2,8 milioni di euro», aggiunge il presidente, che insieme al resto del consiglio di amministrazione si presenta all'assemblea dei soci per il rinnovo degli organi direttivi, in base alla proposta che verrà fatta dalla commissione elettorale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


:: CHI E' COOPERATIVA AGRICOLA CESENATE
La Cooperativa Agricola Cesenate è leader in Italia nel settore della moltiplicazione di sementi. Costituita il 6 Maggio 1948 a Cesena, C.A.C. associa oltre duemila imprese agricole distribuite in tutta Italia ed è riconosciuta come prima Organizzazione di Produttori Interregionale. L'attività economica di C.A.C. è fortemente orientata all'esportazione in Europa, America ed Estremo Oriente, su cui realizza l '80% del fatturato. Sito web https://www.cacseeds.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento