Economia

Scadenze per le imprese, Soldati (Confesercenti): "In autunno ci aspetta un ingorgo tributario"

Quest’anno, il mese di Settembre sarà un mese difficile e duro per le imprese. A lanciare l'allarme è Confesercenti Cesenate

Con la fine dell’estate riparte il fisco, nel mese di settembre, 4 milioni di cartelle e più di 200 adempimenti fiscali Quest’anno, il mese di Settembre sarà un mese difficile e duro per le imprese. A lanciare l'allarme è Confesercenti Cesenate.

 "Si preannuncia molto impegnativo per i contribuenti e le imprese, che saranno chiamati alla cassa sia per gli adempimenti periodici, sia per i tanti recuperi di imposte sospese durante i mesi precedenti a causa del perdurare della pandemia da Coronavirus. Salvo ulteriori proroghe, dal mese di settembre riprenderanno i versamenti delle cartelle, della rottamazione e del saldo e stralcio che si calcola che siano oltre 4 milioni che sommati agli oltre 200 adempimenti fiscali metteranno in grande difficoltà le imprese e i loro consulenti. E’ sotto gli occhi di tutti che sia necessaria una semplificazione del sistema tributario che chiaramente deve partire da una riforma normativa, la prossima riforma fiscale dovrebbe infatti muovere in questa direzione rendendo più equilibrato il rapporto fra fisco e contribuente riducendo e razionalizzando gli adempimenti".

"Da anni questa esigenza – dichiara il presidente Confesercenti Cesare Soldati - è palese ed è venuto il momento di intervenire in maniera perentoria al fine di migliorare un sistema fiscale mastodontico che difficilmente si presta alle esigenze dei contribuente e dei professionisti del settore. Facciamo presente – conclude il presidente – che   il calendario di settembre non si esaurisce con gli adempimenti “standard”, infatti, oltre ai tanti adempimenti periodici (versamento di ritenute, IVA, accise, etc.), quest’anno sono presenti alcune novità tra le quali  l’istanza di riconoscimento del contributo a fondo perduto alternativo per le attività stagionali, la presentazione dell’istanza di riconoscimento del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone locazione immobili abitativi e  il 10 settembre, è il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione dei redditi per chi vuole richiedere il contributo a fondo perduto per il calo della redditività di cui al decreto Sostegni bis. Queste ulteriore scadenze rendono il nostro sistema fiscale, un sistema eccessivamente burocratico e complesso dove anche il più ligio dei contribuenti può essere indotto all’errore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scadenze per le imprese, Soldati (Confesercenti): "In autunno ci aspetta un ingorgo tributario"

CesenaToday è in caricamento