Saldi, il primo bilancio è positivo: forte la concorrenza delle vendite online

L’indagine della Confesercenti cesenate fa un quadro della situazione a dieci giorni dall'inizio delle vendite promozionali

La quasi totalità dei commercianti è partita con i saldi di fine stagione il 5 gennaio scorso. Lo evidenzia l’indagine del Centro Studi della Confesercenti Cesenate, che ha rilevato l’andamento delle vendite a una decina di giorni dall’avvio.

 “Come sempre - dichiara Cesare Soldati, presidente della Confesercenti Cesenate – per la maggior parte dei nostri commercianti l’attesa era forte. Peraltro i saldi giungono a seguito della disposizione della Regione tesa a impedire le vendite promozionali il mese precedente l’inizio dei saldi stessi. Il primo dato rilevante è che il 95% del campione intervistato (60 imprese del comprensorio) ha dichiarato di aver iniziato i saldi”. “Una considerazione da fare – prosegue Soldati – è che molti esercenti hanno affermato che i negozi sono stati visitati da clienti nuovi. Il che conferma, e non è poco, la validità dei saldi come strumento di promozione e pubblicità. Riteniamo, inoltre, che sia anche il sintomo di acquisti precisi e mirati, prima dei quali il consumatore visita più negozi per scegliere con attenzione cosa comprare”. 

Complessivamente - interviene Lina Aitella, presidente Fismo, il settore moda della Confesercenti Cesenate - la situazione delle vendite è sui livelli dello allo scorso anno ma dovremo attendere alcune settimane per verificare ed avere un quadro più preciso”. “Ad oggi – spiega Lina Aitella – le imprese che dichiarano un aumento delle vendite rispetto all’avvio dei saldi dello scorso anno sono complessivamente il 23% del nostro campione. Denuncia una diminuzione di fatturato il 24% degli intervistati mentre il 53% rileva una sostanziale stabilità. Rispetto alla spesa effettuata, il 23% del campione intervistato afferma che lo scontrino medio è in crescita, il 35% più basso ed il 42% sostanzialmente invariato. Abbiamo chiesto, inoltre, un giudizio sulla norma indirizzata ad impedire le vendite promozionali il mese precedente i saldi. Ne esce una situazione molto contrastata, con il 45% che la ritiene utile, il 50% che la considera sbagliata ed il 5% che non si esprime. Su questo aspetto, in molti segnalano la crescente quota di mercato delle vendite online, che di fatto sono attività aperte 24 ore al giorno e con promozioni in qualsiasi momento dell’anno”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’indagine – conclude Aitella – ha confermato tuttavia che l’attesa dei saldi costituisce tuttora una vera e propria consuetudine per tanti consumatori. Inoltre, in una fase di difficoltà economica generalizzata, siamo in presenza di una ulteriore spinta a ricorrere agli acquisti in queste occasioni. Il nostro auspicio è che le vendite di fine stagione proseguano con lo stesso slancio nei prossimi giorni e possano permettere alle imprese di tirare un bel sospiro di sollievo in apertura del 2019”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Drammatico scontro tra uno scooter e un camion, perdono la vita padre e figlia

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Grandine come piccole pesche, l'azienda agricola conta i danni: "Dopo 3 mesi chiusi non ci voleva"

Torna su
CesenaToday è in caricamento