Saldi estivi, partenza deludente per i negozianti: "Una formula con problemi"

Per i saldi estivi è un inizio con andamento lento nelle vendite. L’indagine della Confesercenti Cesenate sull’andamento dei saldi estivi evidenzia un trend poco soddisfacente"

Per i saldi estivi è un inizio con andamento lento nelle vendite. L’indagine della Confesercenti Cesenate sull’andamento dei saldi estivi evidenzia un trend poco soddisfacente per le aspettative delle imprese commerciali. “La quasi totalità dei commercianti è partita con i saldi di fine stagione il 7 luglio, nel primo giorno possibile. Pur rimanendo un appuntamento importante, i saldi estivi sono meno attesi da parte dei consumatori rispetto a quelli invernali – dichiara il presidente Confesercenti Cesenate, Cesare Soldati - e sul periodo di inizio vi sarebbero osservazioni da fare, in quanto i saldi estivi iniziano quando ancora la stagione estiva è agli inizi”.

“Tra le imprese che sono state intervistate sull’andamento delle vendite durante il periodo dei saldi - continua Cesare Soldati - il 66% dichiara vendite in diminuzione rispetto all’anno scorso, mentre il 12% dichiara vendite in aumento e per il 22% le vendite sono sostanzialmente uguali a quelle dell’anno scorso”. “Anche lo scontrino medio è in diminuzione rispetto all’anno scorso - conclude il presidente della Confesercenti Cesenate – segnale di una crisi più generale delle vendite e soprattutto si conferma che in queste occasioni la ricerca di acquisto del consumatore si concentra sui prodotti a prezzo medio/basso”.

Si schiera sulla linea della scarsa soddisfazione anche la presidente Fismo-Confesercenti Cesenate, Lina Aitella che conferma “un andamento lento dei saldi che è la dimostrazione delle difficoltà di un settore, quello dell’abbigliamento, che deve affrontare molti problemi anche durante tutto l’arco dell’anno”. “I saldi, pur costituendo una grande opportunità - prosegue la presidente Fismo-Confesercenti Cesenate – presentano ancora molte problematiche, con troppi esercizi che con diversi espedienti iniziano prima del periodo consentito le svendite, svalutando una occasione importante sia per le imprese, sia per i consumatori”. “A questo punto - conclude Lina Aitella - ci si augura che, nonostante queste difficoltà, le vendite possano riprendere con maggiore slancio grazie anche ad una stagione che finalmente volge al bello.  Pertanto siamo fiduciosi che con risultati migliori le imprese possano tirare un bel sospiro di sollievo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento