Ristrutturazione edilizia ed energetica: la rigenerazione urbana arriva nel Cesenate

Giovedì firmeranno il Protocollo d’intesa promosso da Cna i sindaci di Cesena, Montiano, Mercato Saraceno, Sarsina, Bagno di Romagna e Verghereto. Si tratterà di uno dei primi atti della costituenda Unione Valle Savio

Dal 2007 al 2012 il settore delle costruzioni ha perso il 32%, con un calo di 500mila posti di lavoro in Italia. Una crisi che non ha origini solo finanziarie e necessita di un profondo ripensamento del comparto per farlo ripartire su nuove basi. È nato per questo il progetto Rigenerazione urbana promosso da Cna, che mette in rete i diversi soggetti coinvolti come mai prima: enti pubblici, imprese, banche, professionisti e cittadini.

Dopo aver incassato il plauso di amministratori e operatori del settore, tale progetto si è tradotto in uno strumento concreto: il “Protocollo d’intesa per la sperimentazione in materia di Rigenerazione urbana”. Firmato in prima battuta nel giugno scorso dai sindaci dei 14 Comuni del comprensorio forlivese, il protocollo arriva ora anche nel Cesenate.

Giovedì firmeranno il Protocollo d’intesa promosso da Cna i sindaci di Cesena, Montiano, Mercato Saraceno, Sarsina, Bagno di Romagna e Verghereto. Si tratterà di uno dei primi atti della costituenda Unione Valle Savio. Saranno così 20 complessivamente le Amministrazioni comunali che aderiscono al Protocollo di Cna, che si pone l’obiettivo di coinvolgere nei prossimi mesi tutti i Comuni rimanenti della nostra provincia.

La firma del Protocollo d’intesa avrà luogo la mattina di giovedì nella Sala Centro Studi Plautini di Sarsina. La mattinata si aprirà alle ore 10.15 con i saluti di Luigi Mengaccini, sindaco di Sarsina; a seguire gli interventi di Paolo Lucchi, sindaco di Cesena; Fabio Molari, sindaco di Montiano; Franco Napolitano, direttore generale di Cna Forlì-Cesena e Lorenzo Spignoli,  presidente della Comunità Montana Appennino Cesenate.

Come è nato il Progetto Rigenerazione urbana di CNA?
“Partiamo da due dati – spiega Franco Napolitano, direttore generale di Cna Forlì-Cesena – il 60% degli edifici abitativi in Italia sono stati costruiti negli anni dal 1945 al 1981. I fabbricati energivori sono responsabili del 40% delle emissioni inquinanti sul pianeta. In questo contesto, ogni anno in Italia si spendono 44 miliardi di euro per il rinnovo edilizio residenziale. È però un mercato polverizzato, fatto di micro-interventi, senza un vero progetto di riqualificazione del nostro tessuto urbanistico. Il Progetto Rigenerazione urbana di Cna si basa su opportunità concrete e realizzabili, quali i benefici fiscali del 50% e 65% per la ristrutturazione edilizia ed energetica, il supporto del sistema bancario, la valorizzazione degli immobili dal punto di vista edilizio. Un progetto ambizioso, che potrà contribuire al rispetto degli impegni presi col Protocollo di Kyoto e il Patto dei Sindaci”.

Ma quali sono i contenuti del Protocollo d’intesa?
"Tutti i soggetti coinvolti – enti pubblici, CNA e imprese – si impegnano ciascuno a svolgere fattivamente la propria parte. Tra gli aspetti salienti, gli enti pubblici (i Comuni, in primo luogo) si impegnano a svolgere un ruolo guida nel definire gli interventi di riqualificazione urbana ed efficientamento energetico, modificando strumenti urbanistici e regolamenti. Ma anche a garantire reali vantaggi per gli investimenti realizzati e sensibilizzare i cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Come CNA – conclude Napolitano – siamo già impegnati a qualificare e formare gli operatori del settore: 50 imprese associate a CNA hanno appena terminato un percorso formativo importante nell’ambito della rigenerazione urbana. Inoltre stiamo lavorando su un “Contratto di garanzia” per interventi di efficienza energetica e sostenibilità ambientale nel settore edile e impiantistico. CNA si sta spendendo inoltre per agevolare l’accesso al credito da parte dei cittadini grazie a una convenzione e al coinvolgimento del sistema bancario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

  • Titolare del chiosco e attrice, una cesenate protagonista in tv ai "Soliti ignoti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento