La Regione finanzia 25 percorsi per formare tecnici specializzati

I corsi sono progettati e svolti congiuntamente da enti di formazione professionali accreditati per la formazione superiore, da istituti secondari superiori

Foto di repertorio

La Regione Emilia-Romagna  ha approvato e finanziato 25 percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (Ifts) per formare tecnici specializzati in grado di gestire i processi organizzativi e produttivi nelle imprese, anche in settori di innovazione tecnologica. I corsi sono progettati e svolti congiuntamente da enti di formazione professionali accreditati per la formazione superiore, da istituti secondari superiori, anche in rete fra loro, dalle università e da una o più imprese.

Le attività dovranno essere avviate entro il 30 di novembre. In Provincia di Forlì-Cesena i corsi avviati saranno: Tecnico Superiore della commercializzazione dei prodotti agroindustriali orientato ai mercati internazionaliTecnico Superiore per la valorizzazione di vini e di prodotti tipici per una ristorazione di qualità; Tecnico Superiore per le Applicazioni Informatiche per l’efficienza energetica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le trasformazioni in atto nel sistema economico-produttivo, dall’’innovazione tecnologica alla globalizzazione dei mercati – spiega l’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Patrizio Bianchi – richiedono di investire nella formazione di professionalità specializzate a diversi livelli, in grado di inserirsi in un mercato del lavoro dinamico e di mantenerlo tale grazie alla capacità di continuare ad apprendere. Il sistema industriale oggi chiede sempre più competenze tecniche per la progettazione, la produzione e l’internazionalizzazione. Per rispondere a questa esigenza, la Regione Emilia-Romagna, con risorse del Fse per il triennio 2011-2013 pari a 18 milioni di euro, ha rafforzato e ampliato l’offerta di formazione superiore raccordandola nella nuova Rete Politecnica regionale, di cui gli IFTS sono un segmento decisivo”.

Obiettivo della Rete Politecnica è offrire proposte formative fondate sulla valorizzazione della cultura professionale, tecnica, tecnologica e scientifica. Caratteristica dei percorsi che la costituiscono (IFTS, ITS e Formazione Superiore) è l’integrazione tra i diversi soggetti formativi e le imprese, impegnati a collaborare sulla base delle proprie esperienze, competenze ed eccellenze alla progettazione e alla realizzazione delle attività.
 
I 25 corsi  IFTS – finanziati attraverso risorse 3 milioni di euro del Programma Operativo FSE (Asse Capitale Umano)  - sono rivolti a giovani e adulti, non occupati o occupati in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore. L'accesso è consentito anche a chi è in possesso dell’ammissione al quinto anno dei percorsi liceali, e a chi non possiede il diploma di istruzione secondaria superiore ma che può  accreditare le proprie competenze acquisite in precedenti percorsi di istruzione, formazione e lavoro.  A parità di punteggio tra i candidati, verrà data priorità in fase di selezione ai giovani disoccupati o inoccupati.

I percorsi – a cui potranno accedere complessivamente circa 500 persone -  hanno una durata complessiva di 800 ore e sono articolati in due semestri. Al termine, viene rilasciato il Certificato di specializzazione tecnica superiore di Tecnico Superiore. L’offerta copre tutto il territorio regionale con percorsi che vanno dal Tecnico superiore per l’industrializzazione del prodotto e del processo in area meccanica, al Tecnico superiore di prodotto e di processo per la filiera agro industriale, e ancora dal Tecnico per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell’ambiente, al Tecnico per la progettazione di edifici energeticamente efficienti o al Tecnico esperto nella valorizzazione di vini e prodotti tipici per una ristorazione di qualità.

In corso di approvazione da parte della Giunta regionale è anche l’offerta di formazione superiore che percorsi tra le 300/500 ore rappresentano un’opportunità di formazione specifica e mirata per giovani e adulti, occupati e non, che intendono inserirsi nel mercato del lavoro o qualificarsi per svolgere efficacemente ruoli professionali di tecnici e responsabili di funzione nelle aree della produzione e della gestione d’impresa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento