Protezione dati aziendali: anche Cna chiede più tempo per adeguarsi ai nuovi obblighi

Da un sondaggio realizzato da Cna Forlì-Cesena emerge come il 58% delle piccole medie imprese del territorio non si senta affatto preparato a questa novità e necessiti di informazioni

Manca poco e se ne parla tanto ma le imprese, soprattutto le più piccole, sono in ritardo nell’adeguarsi al nuovo General Data Protection Regulation. Cna chiede uno stop di sei mesi alle sanzioni, come già ottenuto in sede UE dalla Francia, e una stretta collaborazione con il Garante per la protezione dei dati aziendali. Per meglio informare le imprese sugli adempimenti previsti dalle nuove regole europee, Cna Forlì-Cesena, con il coinvolgimento dell’Area ICT, organizza un incontro per giovedì alle 14.30 nella sede Cna di Cesena in piazza L. Sciascia 224.

Il nuovo regolamento obbliga piccole e medie imprese, professionisti e pubblica amministrazione, a una sempre maggiore attenzione e avrà un impatto non solo sotto il profilo tecnologico ma anche, e soprattutto, dal punto di vista organizzativo e legale. "Le ingiustificabili lentezze del legislatore italiano – dichiara Cna Forlì-Cesena – nel recepire il Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali rischiano di penalizzare pesantemente le piccole imprese, ossatura e traino del sistema economico italiano. Chiediamo, quindi, una fase transitoria di sei mesi nella quale non andranno inflitte sanzioni alle imprese, come già ottenuto in sede Ue dalla Francia”.

Da un sondaggio realizzato da Cna Forlì-Cesena emerge come il 58% delle piccole medie imprese del territorio non si senta affatto preparato a questa novità e necessiti di informazioni. “Per questo motivo – aggiunge Cna – chiediamo una più stretta collaborazione con il Garante per diradare preoccupazioni e timori delle piccole imprese. E in particolare che individui le tipologie di trattamento dei dati che vanno esonerati dalla valutazione d’impatto; precisi con puntualità le imprese tenute ad adottare il registro sulle attività di trattamento; espliciti con chiarezza quali soggetti sono obbligati a designare il responsabile della protezione dei dati, considerato che alcune risposte hanno generato un clima di profonda incertezza su questo aspetto tutt’altro che secondario della nuova regolamentazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sistema delle misure di sicurezza, è basato sull’idea di “accountability”, una strategia operativa che pone l’accento sulla “sostanza” dell’adempimento e sulla sua verificabilità esterna. Lo scopo principale dell’incontro è arrivare alla compilazione di una check list che offre alle imprese una maggior consapevolezza sull’importanza del Gdpr e su ciò che occorre fare per essere adeguati. Chi fosse impossibilitato a partecipare al seminario, potrà recuperare giovedì 24 maggio, sempre alle ore 14.30, nella sede Cna di Forlì, in via Pelacano 29. Per informazioni sul tema è possibile contattare: Marco Vetrò (tel. 0543 770299; email privacy@cnafc.it).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Incornato da un toro, anziano soccorso con l'elicottero del 118 e in gravi condizioni

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

Torna su
CesenaToday è in caricamento