Protesta dei bancari del credito cooperativo: a rischio 300 posti in Romagna

“Siamo alla barbarie. Non sono solo a rischio i diritti su ferie, buoni pasto, periodo di malattia, inquadramento, straordinario, eccetera… E’ a rischio la stessa dignità dei quasi 3100 bancari che sono impiegati nelle 20 BCC dell’Emilia-Romagna"

Venerdì, a Savignano, davanti alla sede centrale della BCC Romagna Est, in Corso Perticari, dalle ore 11.00 alle 12.30, una rappresentanza dei lavoratori delle banche di credito cooperativo (BCC) dell’Emilia-Romagna manifesterà contro la decisione degli istituti di credito cooperativo di disapplicare il contratto di lavoro integrativo regionale a partire dal prossimo 1° aprile. Una decisione che nei 202 sportelli delle 11 BCC romagnole potrebbe portare all’esubero di circa 300 dipendenti sui 1727 tuttora impiegati, mentre a livello regionale gli esuberi complessivi potrebbero superare quota 600.
 

“Siamo alla barbarie. Non sono solo a rischio i diritti su ferie, buoni pasto, periodo di malattia, inquadramento, straordinario, eccetera… E’ a rischio la stessa dignità dei quasi 3100 bancari che sono impiegati nelle 20 BCC dell’Emilia-Romagna. Nessuna categoria in Italia lavora senza un contratto”, protestano i sindacati.


 

“Sappiamo bene – continuano i sindacati – che la situazione delle 379 banche di credito cooperative della penisola non è delle più rosee, ma il capro espiatorio non può certo essere il costo del lavoro, che è addirittura minore del 4% rispetto a quello dell’ABI. I veri problemi che hanno causato chiusure dei bilanci in rosso riguardano l’ammontare delle sofferenze, cioè dei prestiti mal assegnati e non rimborsati che nel solo 2013 hanno costretto le BCC ad accantonare oltre due miliardi di euro”. “ A ciò – rincarano la dose le organizzazioni sindacali – si aggiunga una politica di espansione delle filiali il più delle volte sconsiderata, che ha portato ad aprire troppi sportelli (+20% negli ultimi 7 anni) mentre le banche ABI li chiudevano (- 7% nello stesso periodo)”.
 

“E’ del tutto evidente – sottolineano i rappresentanti dei lavoratori – che 37mila bancari del credito cooperativo non possono pagare gli errori strategici e le inefficienze di una classe dirigente inadeguata. D’altro canto i dati della Banca d’Italia parlano chiaro: su 15 commissariamenti di banche disposti dal Ministero dell’Economia, ben otto riguardano BCC, di cui oltre la metà ubicate nel Nord e una in Emilia-Romagna”.

Gli stessi sindacati nazionali, già nell’aprile 2014, avevano presentato a FederCasse un documento in cui, oltre a denunciare la situazione, erano contenute proposte concrete per sollecitare un immediato rilancio. Tra queste: un unico polo nazionale per unificare i centri informatici, le attività di back-office e le società prodotto; la razionalizzazione della rete di filiali, aperte in questi ultimi anni in maniera indiscriminata e, in molti casi, ubicate dove erano già presenti altre filiali di Bcc; la necessità di un’unica strategia di FederCasse e Iccrea Holding sulla politica reddituale, su quella industriale e su quella associativa.

“Per questi motivi – proseguono i sindacati – lanciamo un appello ai numerosi amministratori e soci di BCC che ancora credono in questo modello. Un appello affinché non si disperda un’esperienza creditizia che, nonostante le difficoltà, anche in questi anni di crisi è stata vicina al territorio e in grado di dare risposte a famiglie e imprese, il più delle volte in misura di gran lunga superiore rispetto alle grandi banche”. “Nel frattempo – concludono le sigle sindacale – vista la continua indisponibilità al confronto manifestata in questi mesi da FederCasse, lo sciopero nazionale del settore del prossimo 2 marzo sarà inevitabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento