Progetto pollo biologico, Amadori allarga l'orizzonte in Puglia

Mercoledì alle 18 sarà illustrato il progetto Pollo Biologico nelle Murge, e le sue nuove prospettive di crescita e sviluppo in provincia di Barletta-Andria-Trani e Bari

Creare un prodotto unico nel settore, che risponda a standard etici e di qualità assoluta, risultato di una filiera integrata del pollo biologico in Puglia, dalla produzione di materia prima fino agli allevamenti all’aperto, realizzati ex novo insieme agli imprenditori locali, pronti a unirsi in questa sfida che offre un’importante opportunità economica in una regione sempre più dinamica in campo agroalimentare. Questa la sfida che Amadori intende portare avanti in Puglia con lo sviluppo di una nuova filiera del pollo biologico.

Mercoledì alle 18 sarà illustrato il progetto Pollo Biologico nelle Murge, e le sue nuove prospettive di crescita e sviluppo in provincia di Barletta-Andria-Trani e Bari. Nel corso dell’incontro, organizzato insieme alle amministrazioni comunali di Spinazzola, Minervino Murge e Poggiorsini, si farà il punto sull’andamento dell’azienda e sui piani di sviluppo nella Regione per i prossimi anni, in particolare sulla nuova opportunità d’impresa nel nord barese.

Saranno presenti Flavio Amadori, presidente dell’azienda e Francesca Amadori, responsabile Corporate Communication; Maurizio Arienti, responsabile del progetto Pollo Biologico in Puglia, Fabio Mecca, referente per il progetto Pollo biologico e Campese; Michele Patruno, sindaco di Spinazzola, Maria Laura Mancini, sindaco di Minervino Murge e Michele Armienti, sindaco di Poggiorsini Le conclusioni saranno affidate a Nicola Giorgino, presidente della Provincia di Barletta Andria Trani e all’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Filippo Caracciolo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento