Primo settore il commercio, ma le imprese giovanili soffrono: "Serve supporto nei primi anni"

Nel confronto con il 31 dicembre 2018, si riscontra un calo delle imprese giovanili del 3,8%, superiore alla variazione altrettanto negativa regionale (-2,3%) e nazionale (-2,7%)

Quale è la situazione dell'imprenditoria giovanile a Forlì-Cesena? Al 31 dicembre 2019 in provincia  si contano 2.380 imprese giovanili attive che costituiscono il 6,5% del totale delle imprese attive (7,4% in Emilia-Romagna e 9,5% in Italia).

Nel confronto con il 31 dicembre 2018, si riscontra un calo delle imprese giovanili del 3,8%, superiore alla variazione altrettanto negativa regionale (-2,3%) e nazionale (-2,7%). Molto alta, purtroppo, la flessione nel medio periodo: -19,6% rispetto al 31 dicembre 2014.
I principali settori economici risultano: Commercio (28,3% delle imprese giovanili), Costruzioni (16,5%), Alloggio e ristorazione (11,7%), Agricoltura (9,4%), Altre attività di servizi (prevalentemente servizi alle persone) (7,7%), Industria Manifatturiera (6,3%), e Attività professionali, scientifiche e tecniche (4,2%).

Rispetto al 31 dicembre 2018 calano le imprese giovanili nel Commercio (-3,7%), nelle Costruzioni (-6,9%), nell’Alloggio e ristorazione (-5,8%) e nelle Altre attività di servizi (-2,7%), mentre aumentano quelle operanti nell’Agricoltura (+1,4%), nel Manifatturiero (+1,4%) e, soprattutto, nelle Attività professionali, scientifiche e tecniche (+13,5%).

I settori con la più alta incidenza percentuale delle imprese giovanili sul totale delle imprese attive sono, nell’ordine: Alloggio e ristorazione e Altre attività di servizi (10,1% per ciascuno), Attività finanziarie e assicurative (9,5%), Noleggio, agenzie viaggio e servizi alle imprese (8,5%) e Commercio (8,4%).

Riguardo alla natura giuridica prevalgono le imprese giovanili individuali (76,7% del totale), seguite dalle società di capitale (13,8%) e società di persone (8,6%); nel confronto con l’anno precedente si registra un buon incremento delle società di capitale (+3,8%), al quale si contrappone la diminuzione sia delle imprese individuali (-4,3%) sia delle società di persone (-9,7%).

In un contesto di analisi territoriale, infine, si evidenzia come la metà delle imprese giovanili provinciali (50,1%) si trovano nei comuni di Forlì (28,1%) e Cesena (22,0%), ossia nei “Grandi centri urbani”; buona anche la presenza nei comuni di Cesenatico (8,0%), Forlimpopoli (3,4%) e Bertinoro (2,9%), ossia nei cosiddetti “Comuni di cintura” (totale 14,2%), e di Savignano sul Rubicone (5,0%), San Mauro Pascoli (3,2%), Gatteo (3,1%), Gambettola (3,1%) e Longiano (1,9%) (”area del Basso Rubicone”, totale 16,4%). Ad essi vanno aggiunti i comuni di Meldola (2,1%) (Valle del Bidente), Castrocaro Terme e Terra del Sole (2,0%) (Valle del Montone), Mercato Saraceno (1,6%) (Valle del Savio) e Predappio (1,6%) (Valle del Rabbi). In sintesi, il 53,8% delle imprese giovanili attive si trova nel comprensorio di Cesena e il 46,2% nel comprensorio di Forlì.

“Purtroppo i dati segnalano un ulteriore calo dell’imprenditoria giovanile nei nostri territori, che ha superato i dati regionali e nazionali – commenta Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini –. Gli attuali scenari, internazionale e nazionale, inoltre, non favoriscono la crescita e, se a questo si aggiungono le difficoltà che gli imprenditori under 35 devono affrontare, in particolare nei primi anni di attività, è comprensibile che sia ritenuto sempre meno attrattivo intraprendere. Occorre puntare, quindi, sulle attività di supporto, come quelle che svolgono sui territori gli incubatori/acceleratori d’impresa, e su percorsi di educazione e cultura imprenditoriale. In questo la scuola ha un ruolo fondamentale e anche la Camera di commercio della Romagna e tutto il Sistema camerale contribuiscono concretamente con le tante iniziative di orientamento e formazione, per stimolare vocazioni imprenditoriali e nuove competenze, in particolare quelle digitali e la cultura del rischio, imprescindibili per affrontare i mercati. Ritengo anche che sia doveroso tenere in debito conto la spiccata propensione all’innovazione di prodotto e di processo dei giovani, che rappresenta la spinta fondamentale per la crescita economica e sociale. Ciò significa che il mondo del lavoro e il sistema imprenditoriale, hanno bisogno dei giovani – e non il contrario – per innescare processi virtuosi di sviluppo e incremento della competitività delle imprese e dell’attrattività del territorio.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ragazzi cacciati perché autistici", l'area di servizio si scusa: "Un equivoco, vogliamo fare una donazione"

  • Il virus torna a preoccupare nel Cesenate, cinque casi nelle ultime 24 ore

  • A Cesena in arrivo due nuovi T-Red, quasi 1000 multe per il superamento della linea d'arresto

  • "Come al mare ma in riva al fiume", esordio per la 'spiaggetta' lungo il Savio

  • Morsa da un cane libero in un giardino pubblico, sfilza di sanzioni per il proprietario

  • Coronavirus, tre nuovi casi nel Cesenate: due rientrati da paesi dell'Est-Europa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento