Presenze turistiche, i dati migliorano: aumentano gli italiani in arrivo

Dopo un 2014 molto difficile, con una tendenza in costante calo almeno dal 2012, i dati delle presenze turistiche nel territorio tendono a migliorare

Dopo un 2014 molto difficile, con una tendenza in costante calo almeno dal 2012, i dati delle presenze turistiche nel territorio tendono a migliorare. Infatti, in base ad una elaborazione dell’Ufficio studi di CNA Forlì-Cesena sui dati della provincia, nel bimestre giugno-luglio, per i nove comuni del Rubicone e Mare si è assistito a un incremento delle presenze del 4,7% (quasi 100.000 giorni di permanenza in più, rispetto allo stesso periodo del 2014).

A questo si accompagna un aumento degli arrivi del 2,2% (+6.000 turisti), che si inserisce nella tendenza positiva della provincia, che segna nel bimestre un incremento del 3,5% (+12.000 turisti). Certo, se il dato viene letto su almeno 4 anni la tendenza è ancora negativa in termini di numero di notti (-5,7%), soprattutto a causa del vistoso calo nel comune di Cesenatico (-8%), ma si tratta quantomeno di una importante inversione di tendenza che, con la probabile riconferma dei numeri positivi anche nel mese di agosto, può portare ad essere ottimisti.

Analizzando più in profondità i dati, si scoprono interessanti differenze, soprattutto per tipologia di cliente. In particolare, l’incremento di quest’anno per il Rubicone e Mare è dovuto ai turisti italiani (+7% di presenze e +5% di arrivi), mentre si assiste a una riduzione di quelli stranieri (-2,6% di presenze e -8,2% di arrivi). La situazione cambia nettamente se si osserva quel che succede a partire dal 2012. Mentre per gli italiani gli arrivi sono stabili, calano nettamente il numero di notti trascorse (circa -8%). Al contrario, per gli stranieri diminuisce il numero di persone che scelgono di venire nel nostro territorio, ma aumenta lievemente il periodo di permanenza.

Come leggere questi dati? “È ormai noto – sottolinea Marco Lucchi responsabile di Cna Est Romagna – che il turismo balneare nella nostra riviera si caratterizza per vacanze mordi e fuggi di pochi giorni, soprattutto per i turisti italiani. Questa tendenza si consolida, ma i dati di quest’anno sottolineano come il nostro territorio continui ad essere apprezzato, soprattutto grazie allo sforzo di tutti gli operatori. Ma la vera sfida è aumentare nuovamente il numero di giorni trascorsi in questo territorio e tornare “di moda” per gli stranieri”.

“Perché il nostro territorio sia appetibile, bisogna che le sue “anime” turistiche si coordinino – continua Lucchi – come CNA da tempo sosteniamo che le strategie turistiche debbano essere in capo almeno all’Unione dei Comuni Rubicone e Mare. Questo permetterebbe di adottare scelte coordinate, “mostrando” ai turisti balneari anche la pluralità delle nostre anime storiche, culturali, gastronomiche. Per fate questo è necessario organizzare i trasporti fra i territori, fare una promozione unica, organizzare gli eventi in modo omogeneo, con un unico palinsesto in tutto il territorio”.

IL COMMENTO DEL SINDACO - Sulla questione è intervenuto anche il sindaco Roberto Buda: "L'analisi mette in rilievo un aumento di circa 100.000 presenze nel 2015 nella nostra Provincia.  Aggiungiamo noi che di questi 100.000 pernottamenti in più, ben 70.700 sono relativi a Cesenatico. Il confronto negli ultimi 4 anni (2012-2015) in termini di pernottamenti, evidenzia il dato negativo di Cesenatico (- 8%). Non viene tuttavia considerata la circostanza, più volte sottolineata l'anno scorso dalla Amministrazione, che i dati per i campeggi di Cesenatico (che valgono per quegli anni il 22-24% del totale presenze), fino al 2013 conteggiavano i pernottamenti dei clienti secondo contratto, indipendentemente dalla loro effettiva presenza. Questa modalità falsava i dati relativi alle presenze".

Conclude Buda: "Dal 2014 i dati turistici dei campeggi di Cesenatico sono stati rilevati secondo le effettive presenze dei clienti e dunque quell'anno, in un certo senso, rappresenta l'anno zero di confronto. Un esempio è dato dal raffronto dei dati relativi ai campeggi di Cesenatico, comparando il 2013 (gennaio-dicembre presenze 812.579) con il 2014 (gennaio-dicembre presenze 289.238). Vorrei ribadire che i dati di quest'anno relativi al periodo gennaio-luglio sono ottimi, più del 6% di aumento delle presenze, e in luglio abbiamo incrementato le presenze di più del 7%." 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento