Sms promozionali, riesplode il caso dei presaldi. Confcommercio: "Rispettare la legge"

I saldi estivi in Emilia Romagna, come prevede la normativa regionale, coincidono con il primo sabato del mese di luglio

Riesplode il caso dei presaldi. Gli sconti nelle boutique, che anticipano la stagione estiva della corsa all'affare, non sono passati inosservati agli associati di Confcommercio Cesena. L'associazione di categoria da circa una settimana sta infatti ricevendo messaggi o email con svariate promozioni. "Questa - spiega il segretario di Federazione Moda Italia Cesena, Massimo Montanari - rappresenta una violazione della legge sui saldi. Chi opera nel settore commercio sa benissimo che prima dei saldi non si possono pubblicizzare sconti o offerte promozionali. I presaldi sono vietati e la legge va rispettata. Fondamentale per Confcommercio è la salvaguardia del rispetto delle regole che fungono anche da supporto per instaurare il rapporto di necessaria fiduciarietà con il cliente".

"I saldi estivi in Emilia Romagna, come prevede la normativa regionale - aggiunge Montanari -  coincidono con il primo sabato del mese di luglio, quindi quest'anno partiranno il 7 luglio. Pertanto, non è possibile effettuare le vendite promozionali a partire dal 7 giugno (30 giorni prima dell'inizio dei saldi). Per i trasgressori è prevista una sanzione da 516 a 3.098 euro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

Torna su
CesenaToday è in caricamento