Riconoscimento della piadina Igp, De Castro: "Protetti produttori e consumatori"

«Un nuovo importantissimo riconoscimento a due prodotti dell'agroalimentare emiliano-romagnolo che premia qualità, tradizione e territorio». Così Paolo De Castro, europarlamentare Pd della Commissione Agricoltura

«Un nuovo importantissimo riconoscimento a due prodotti dell’agroalimentare emiliano-romagnolo che premia qualità, tradizione e territorio». Così Paolo De Castro, europarlamentare Pd della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale, commenta l’ottenimento da parte della Piadina Romagnola e della Salama da sugo dell’indicazione geografica protetta (Igp) riconosciuta dalla Commissione europea.
 

Sempre De Castro: «Da oltre vent’anni il tema della tutela della qualità degli alimenti è parte integrante delle scelte di politica agricola comunitaria. Con l’istituzione dei marchi Dop e Igp l’Unione europea vuole tutelare le produzioni tipiche di qualità specifiche dei diversi territori, garantendo la protezione di due categorie principali, quella dei produttori e quella dei consumatori, sempre più interessati a conoscere e fruire dei valori materiali e immateriali dei prodotti. Il riconoscimento di oggi è quindi un’opportunità per il territorio e per il nostro Paese che con la Piadina Romagnola e la Salama da sugo Igp consolida la propria leadership europea nelle produzioni di qualità. Ciò che occorre - conclude De Castro - è continuare a lavorare affinché tale importante primato sia opportunamente valorizzato e tradotto in reddito per le nostre aziende agroalimentari».

CNA RIMINI. Questo il commento di Davide Ortalli (Cna Rimini):  Quando nel 2002 iniziai insieme agli amici delle CNA di Forlì Cesena e CNA Ravenna il percorso di riconoscimento IGP della Piadina Romagnola per affiancare le imprese artigiane del settore che proprio in quel periodo si affacciavano sul mercato, non pensavamo di dovere commentare oggi un riconoscimento utile ad imprese locali oramai affermate sui mercati internazionali. Esprimiamo soddisfazione perché il marchio IGP Piadina Romagnola si caratterizza con il nostro territorio più di qualunque altro prodotto gastronomico e quindi è viatico non solo delle nostre imprese ma anche della nostra terra e dei valori che esportiamo in tutto il mondo. Il riconoscimento della Indicazione Geografica Protetta rilasciato dalla Comunità Europea è elemento necessario per contrastare imitazioni e frodi all’ordine del giorno nel mercato globale, insomma oggi la piadina prodotta in Cina o in Germania non sarà mai “piadina Romagnola”. Essere stati promotori di questo percorso ci riempie di orgoglio e ci ripaga dei sacrifici e delle battaglie che abbiamo dovuto affrontare durante tutto l’iter di riconoscimento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento