menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pensioni e lavoro, giornata di mobilitazione della Cgil: manifestazione a Roma

Sabato è in programma la giornata di mobilitazione della Cgil “per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani”

Sabato è in programma la giornata di mobilitazione della Cgil “per cambiare il sistema previdenziale, per sostenere sviluppo e occupazione, per garantire futuro ai giovani”. La manifestazione principale si terrà a Roma, dove, dal palco di Piazza del Popolo, parlerà il segretario generale della Cgil Susanna Camusso. Aderisce alla manifestazione anche la Cgil di Cesena.Spiega il volantino di presentazione della manifestazione: "Il confronto Governo-Sindacati sulla previdenza, nella cosiddetta “fase due”, non ha prodotto risultati soddisfacenti, in quanto le proposte emerse sono molto distanti non solo dalla piattaforma sindacale ma anche dagli impegni sottoscritti dallo stesso Governo con il verbale del 28 settembre 2016", sottolinea la Cgil, alla quale "“i conti non tornano” sulle pensioni e sul lavoro dei giovani". 

"La cronaca di questi giorni - continuano dal sindacato - sta dimostrando che la Cgil aveva ragione nel denunciare il rischio di ulteriore precarizzazione con l’applicazione di leggi tipo il Jobs Act e il decreto Poletti e che erano giuste tutte le critiche alla riforma Fornero sulle pensioni, che oggi sta facendo vedere in modo palese tutte le falle del sistema previdenziale sempre più ingiusto e penalizzante per i lavoratori e soprattutto le lavoratrici più deboli. Per questo è giusto dire che la vertenza pensioni non è chiusa e che si devono cambiare le leggi che favoriscono lo sfruttamento che oggi si manifesta in forme “moderne” come nel caso di Amazon, dove la permanenza media dei lavoratori è di tre anni". 

"Il messaggio che vogliamo lanciare sabato è chiaro - viene evidenziato -. Il governo affronta il tema della previdenza in funzione delle risorse disponibili, mentre noi vogliamo rovesciare il concetto per costruire il sistema previdenziale di cui ha bisogno il Paese. Per far questo, però, “servono risorse”, e “non è una cosa che si può fare dalla sera alla mattina”, bisogna impostare una politica economica e finanziaria finalizzata al sostegno del sistema; il sistema previdenziale che vogliamo deve garantire una pensione ai giovani.  Oggi è questo il cuore centrale del problema, che deve anche riconoscere la condizione particolare delle donne, e quindi il lavoro di cura del quale si fanno carico. Deve essere un sistema previdenziale che continua a garantire il potere d'acquisto delle pensioni in essere, e che sia strutturalmente e non episodicamente capace di distinguere tra i lavori. Il 2 dicembre saremo quindi in piazza “per cambiare il sistema previdenziale” e “per sostenere sviluppo e occupazione” e “garantire futuro ai giovani”".

Per partecipare alla manifestazione tramite i bus messi a disposizione dalla Cgil è necessario prenotare entro giovedì 30 novembre nelle sedi della Cgil. I bus partiranno da Gatteo, San Mauro, Savignano, Cesena, Mercato Saraceno, Sarsina e San Piero in Bagno, a partire dalle 2,30. Partenza da Cesena alle 3,30 dal parcheggio dell'ippodromo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Mare e terra in un piatto gustoso: la seppia coi piselli

Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento