Patrignani: "Sos commercio, serve un patto per la ripresa e acquisti 'in presenza'"

"Se Cesena, se i nostri Comuni cesenati non vogliono perdere la vita della città debbono avviare un piano non ordinario di sostegno alla rete distributiva, ma un intervento eccezionale"

"Cosa può fare, per la parte che le compete, l'amministrazione comunale di Cesena di concerto con organizzazioni di categoria e tutti i partner territoriali, per sostenere la rete distributiva commerciale, in una fase storica di straordinari cambiamenti nelle abitudini di acquisto dei consumatori e in un contesto di crisi strutturale che investe il settore? Confcommercio parte da un assunto: senza commercio non c'è città. I nostri spazi urbani svuotati di negozi, bar e ristoranti perdono la vita". Lo afferma Augusto Patrignani, presidente Confcommercio Cesenate.

"Se Cesena, se i nostri Comuni cesenati non vogliono perdere la vita della città debbono avviare un piano non ordinario di sostegno alla rete distributiva, ma un intervento eccezionale che sia una priorità dell'agenda politica. Confcommercio propone quindi un patto per la ripresa, attraverso un mix di interventi pubblici e privati perché i casi sono due: o il commercio chiude, oppure si rialza. La situazione del commercio nel nostro territorio è seria e la ripartenza è molto lenta. Si registrano cali di fatturato del 50% sul 2019 per ristorazione e non alimentare. Ci sono chiusure di negozi, e attività di prestigio hanno abbandonato la piazza cesenate. Occorre dunque mettere in campo una serie di azioni concertate, che abbiano come scopo dapprima la salvaguardia della rete distributiva e in second'ordine il suo rafforzamento ccn incentivi, benefici, riduzioni e sconti fiscali, addolcimenti burocratici. Non si può procedere con iniziative a segmenti, non possono bastare le bici elettriche i monopattini che fra l'altro non paiono certo ideali per la tipologia media dei clienti dei negozi, va ridisegnato un sistema di massimo accesso e fruibilità alle zone terziarizzate del centro e della periferia, vanno mappate e valutate le aree di sosta agevoli disponibili per potenziarle, vanno pensate forme premianti per chi acquista nei picocli negozi cittadini, vanno aboliti tabù ideologici in virtù dei quali, tanto per fare un esempio, l'abbasamento dell'Imu per le attività produttive non viene neppure a priori preso in considerazione. Non si può più affrontare un problema così rilevante come lo spettro della desertificazione commerciale urbana con azioni, strumenti e approcci ordinari".

Spiega ancora Patrignani: "Secondo Confcommercio, fatta salva la sacra autonomia del mercato nel bene e nel male, esistono i margini, e non risicati, per interventi del sistema territoriale in supporto della rete distributiva al dettaglio, dal centro alla periferia. Serve però un patto per la ripresa, sancito con un decalogo di interventi da realizzare uno dopo l'altro, in cui gli attori pubblici e privati accreditati cooperino per fare tutto quanto è possibile per invertire la rotta e impedire che Cesena e i nostri comuni comprensoriali non si impoverisca ulteriormente  dal punto di vista commerciale. Una vetrina che si spegne non è solo un problema del negoziante che chiude, ma della città, se non passiamo a questa assunzione di responsbailità collettiva e politica rischiamo di dilapidare il nostro patrimonio distributivo. Quanto ai cittadini, mai come ora si pone a parer nostro l'imperativo morale e identitario di acquistare nei negozi della propria città. Anche i cesenati debbono essere parte attiva del patto della ripresa, acquistando in presenza, come va di moda dire oggi, nei negozi cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Dopo l'influencer al Grande Fratello Vip una cesenate a Uomini e Donne: "Voglio conquistare il tronista"

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento