menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patrignani ricevuto dal presidente Bonaccini: "Lavoriamo per la Romagna"

Il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha incontrato il presidente dell'unione provinciale Confcommercio di Forlì-Cesena, il cesenate Corrado Augusto Patrignani

Incentivi ai turismi integrati risorsa emiliano-romagnola, incremento di ruolo e peso della Romagna, impegno di pubblico e privato per promuoverne il brand, azioni a sostegno delle piccole imprese e nello specifico dei comparti del commercio e e del terziario,  concertazione e sinergie tra pubblico e privato per poter sostenere il rilancio dell'economia, spazio per la sussidiarietà e gli interventi dal basso, interventi a 360 gradi in favore di chi intraprende con bandi, incentivi e nuove risorse. Sono stati i temi salienti al centro di un approfondito incontro che si è tenuto presso la sede bolognese della regione Emilia Romagna, tra il presidente della Regione Stefano Bonaccini e il presidente dell'unione provinciale Confcommercio di Forlì-Cesena, il cesenate Corrado Augusto Patrignani.

Lo sviluppo delle straordinarie potenzialità della Romagna nel contesto dell'articolato sistema Regione, in modo particolare, è stato il perno dialettico attorno al quale è ruotato un proficuo confronto, che è partito dalla analisi delle tante iniziative messe in campo da Confcommercio Forlì-Cesena, che a Cesenatico ha ospitato a fine gennaio il presidente nazionale Confcommercio Carlo Sangalli al Grand hotel Da Vinci di fronte a un pubblico record di novecento partecipanti. Un evento che ha suscitato largo eco anche per il valore che ne ha ulteriormente acquisito l'azione di rappresentanza dei corpi intermedi, in cui si sviluppa l'operato dell'Unione provinciale Confcommercio.

"Ci è stato riconosciuto dal presidente Bonaccini – rimarca Patrignani - l'impegno per promuovere il brand Romagna attraverso una serie di azioni coerenti che mirano a valorizzarne le eccellenze e le unicità, a partire dal turismo per il quale sono fondamentali infrastrutture per poter meglio calamitare i turisti, facendo leve sui molteplici punti di forza di un'offerta eterogenea e integrata: mare, collina enogastronomia, turismo sportivo, folklore e liscio, borghi e centri culturali dell'entroterra. In questo senso il varo della Notte del liscio da parte della Regione, di cui Confcommercio è stata tra i principali promotori, è un ottimo esempio dei frutti che possono essere prodotti dalla collaborazione tra pubblico e privato. Un altro terreno su cui procede il lavoro è il rilancio turistico della Valle dei laghi in Altosavio attraverso la messa a regime del lago di Quarto attorno al quale può svilupparsi un sistema di ricettività turistica".

"Da parte del presidente della Regione – aggiunge Patrignani – ho rimarcato molto interesse su queste problematica e la disponibilità ad appoggiare tutti quei progetti e quegli interventi che vanno in direzione dello sviluppo e della crescita in maniera uniforme in tutto il territorio della Regione, senza differenze e squilibri fra le sue parti. In particolare si è riconosciuto alla Romagna un dinamismo imprenditoriale e di progettualità, come ad esempio quello che si innesca sul filone del wellness di cui la Romagna si pone come distretto non solo nazionale ma anche su scala mondiale, che costituisce una risorsa e un valore aggiunto per la Regione".

"Il confronto con Bonaccini – conclude Patrignani – è un ulteriore tassello di un progressivo accreditamento dell'Unione provinciale Confcommerio di Forlì-Cesena che punta sull'integrazione e sulla coesione territoriale a sostegno delle imprese e di tutto il sistema dello sviluppo in un rapporto leale e costruttivo con la politica, indipendentemente da logiche di appartenenza partitica che sono statutariamente estranee alla nostra organizzazione, il cui compito è fungere da partner delle imprese e realizzare relazioni, sinergie e scenari utili alla loro crescita e allo sviluppo dell'economia e della coesione sociale del territori”.

“Il presidente Bonaccini – conclude Patrignani – ha ben notato anche lo stile del nostro approccio: non meramente rivendicativo, ma costruttivo, per essere fino in fondo attori del sistema dello sviluppo. Ci ha fatto piacere infine constatare il suo riconoscimento del ruolo dei corpi intermedi a servizio delle imprese come fondamentale e irrinunciabile, un incentivo per noi a continuare su questa strada”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Muri portanti: cosa c'è da sapere prima di modificarli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento