Operativi i due bandi in sostegno delle nuove imprese: a disposizione 450mila euro

Il bando per la concessione di contributi a fondo perduto mette a disposizione un minimo di 500 sino a un massimo di 4000 euro, a seconda del numero dei dipendenti e delle dimensioni del locale che ospita l’attività. Il secondo bando prevede il rimborso triennale di Imu, Tasi, Tari, Cosap, imposta sulla pubblicità

Da venerdì fino al 31 gennaio potrà essere presentata domanda per accedere ai benefici previsti dai due bandi promossi dall’Amministrazione comunale in sostegno alle nuove imprese. Entrambi i bandi, che mettono a disposizione complessivamente 450mila euro, saranno ufficialmente pubblicati. Il primo prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto per le nuove attività nate a Cesena nel 2014 (plafond 150mila euro); il secondo è relativo alla cosiddetta ‘no tax area’, che permetterà alle aziende di nuova costituzione di ottenere il rimborso di alcune imposte (Imu, Tasi, Tari, Cosap, imposta sulla pubblicità) nei primi tre anni di attività (plafond 300mila euro). La scadenza per le domande è il 31 gennaio prossimo.

Entrambi si rivolgono alle stesse tipologie: ditte operanti nei settori del commercio, pubblici esercizi o artigianato che si sono costituite nel 2014 aprendo un nuovo punto vendita o attività artigianale in centro storico (sono ammesse anche le ditte che hanno trasferito in centro un’attività già operante in un’altra parte del territorio comunale, compresi i sub ingressi); ditte costituite a Cesena nel 2014 che hanno assunto dipendenti (a tempo indeterminato o con un contratto a tempo determinato della durata di almeno 6 mesi, o un contratto di apprendistato); ditte costituite a Cesena nel corso del 2014 composte da persone residenti a Cesena con età non superiore ai 40 anni.

Il bando per la concessione di contributi a fondo perduto mette a disposizione un minimo di 500 sino a un massimo di 4000 euro, a seconda del numero dei dipendenti e delle dimensioni del locale che ospita l’attività. Il secondo bando prevede il rimborso triennale di Imu, Tasi, Tari, Cosap, imposta sulla pubblicità. Sono esclusi dai bandi alcune categorie, fra cui i ‘compro oro’ o attività similari; le sale video lottery (o dedicate ad altri tipi di scommesse) e i locali con slot-machine; i locali dedicati alla sola vendita con distributori automatici; le rivendite di tabacchi o sigarette elettroniche; i negozi di armi, munizioni e materiale esplosivo; i sexy shop; gli agenti di commercio, procacciatori d’affari, promotori finanziari; gli istituti bancari, le agenzie di leasing, le attività finanziarie e assicurative; le imprese e agenzie immobiliari; gli operatori di commercio su aree pubbliche.

Il contributo sarà erogato alle imprese che presenteranno domanda entro il 31 gennaio 2015. Qualora le istanze ammissibili determinino un valore totale superiore alle risorse disponibili, i singoli contributi saranno ridotti proporzionalmente. La pubblicazione della graduatoria e degli importi assegnati avverrà entro  il 31 marzo 2015. Il testo integrale dei bandi e i moduli per presentare le domande possono essere scaricati dal sito del Comune www.comune.cesena.fc.it. Per informazioni ci si può rivolgere al Servizio Lavoro Sviluppo Giovani del Comune di Cesena, Tel. 0547-356592, e-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento