Nuovi obblighi di etichettatura, cambia la vita anche di molte imprese cesenati

Cambia la vita anche per le imprese alimentari cesenate con le nuove regole dell'etichettatura che stanno per entrare in vigore. Se ne è parlato ad un partecipato convegno della Confcommercio

Cambia la vita anche per le imprese alimentari cesenate con le nuove regole dell'etichettatura che stanno per entrare in vigore. Se ne è parlato ad un partecipato convegno della Confcommercio a cui sono intervenuti fra gli altri il presidente nazionale Fida Federazione dettaglianti alimentari Dino Abbascià e il presidente Confcommercio cesenate Corrado Augusto Patrignani.

Durante l'incontro sono stati illustrati i principali problemi applicativi dei prodotti alimentari dal Regolamento CE 1169/2011 sull'informazione al consumatore in prossimità della sua entrata in vigore, il 13 dicembre 2014 e sono stati inoltre esaminati gli aspetti sanzionatori che interverranno a seguito dell'applicazione nonchè le analisi di laboratorio obbligatorie o facoltative che dovranno comparire in etichetta.

"Con la nuova legge - dice il presidente Fida Confcommercio cesenate Giancarlo Andrini - dall’olio alla frutta e la verdura, dagli alimenti pre-incartati e pre-confezionati alle carni ovine, suine e avicole per le quali è previsto un sistema di tracciabilità simile a quello già in corso per le carni bovine. L’obiettivo del legislatore europeo è quello di fornire al consumatore tutti gli strumenti conoscitivi necessari per fare scelte sempre più accorte e consapevoli nel momento dell’acquisto e del consumo dei prodotti alimentari. Per questo motivo le nuove etichette dovranno riportare informazioni dettagliate sull’origine dei prodotti e sulle loro caratteristiche, comprese quelle di carattere nutrizionale alle quali i consumatori sono sempre più attenti e sensibili".

“Condividiamo gli obiettivi di trasparenza e completezza dell’informazione che sono alla base della legislazione europea anche se a volte la sua applicazione è complessa e impegnativa e presuppone un aggravio di responsabilità dell'esercente – sostiene il presidente Fida Confcommercio– perché sappiamo bene quanto sia importante per il consumatore acquisire tutte le informazioni utili sui prodotti e poter scegliere sulla base delle proprie esigenze specifiche e convinzioni individuali. Per preparare gli operatori del settore alimentare ad affrontare le novità previste dal nuovo regolamento relativamente all’etichettatura e pubblicità degli alimenti, abbiamo pertanto previsto una batteria incontri formativi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento