menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di aperture nel commercio: 40 nuove imprese nei primi due mesi

“Il nostro lavoro di accompagnamento sul mercato - afferma il presidente Confcommercio Augusto Patrigiani - consiste nel favorire la creazione delle condizioni endogene, cioè dentro le imprese stesse"

Inizio d'anno col botto sul versante del commercio. I nuovi soci di Confcommercio cesenate nel comprensorio sono una quarantina: 39 per la precisione, 19 a gennaio e 20 a febbraio. Fra di essi molte nuove attività: si tratta di agenti di commercio, agenti immobiliari, pubblici esercizi,servizi alla persona come ad esempio un'attività di pranoterapeuta, ambulanti, attività nel settore del benessere, tra cui un growe shop, che vende attrezzature e sementi per la coltivazione indoor.

Martedì pomeriggio si è tenuto un incontro nella sede associativa con una parte dei nuovo imprenditori associati per presentare i servizi associativi, presenti anche il presidente Augusto Patrignani e il direttore Giorgio Piastra,  fra cui la nuova società Ri-Genera, le nuove opportunità e le convenzioni. Confcommercio intende rendere fisso e costante a cadenza mensile questo appuntamento formativo e informativo, in stile laboratoriale, con le nuove imprese.

“C'è grande fermento nel settore delle nuove aperture, così come è avvenuto nel 2015: non pochi aprono e bisogna creare un ambiente favorevole a chi intraprende - dice Alberto Pesci, coordinatore di Ri-Genera Imprese -. L''89% degli imprenditori commerciali e turistici di un campione di 100 imprese cesenati sondaggiati dall'Osservatorio della Confcommercio indica nel rapporto con le banche e nell'accesso al credito uno dei e problemi principali del fare impresa. La necessità del credito riguarda sia la liquidità che i progetti di sviluppo e qualificazione. Proprio per fornire una assistenza più mirata alle imprese nella consulenza economico-finanziaria da qualche mese è operativa Ri-genera, una società innovativa nel settore della consulenza finanziaria alle imprese scaturita dal know how di Confidi per le imprese e Confcommercio cesenate”.

“Ri-genera - dice Pesci - è un partner ideale per creare nuova impresa sviluppando l’idea di business del potenziale imprenditore, per favorire il cambiamento nel rapporto fra banca e impresa e per rafforzare la cultura e le attività di formazione in materia economico- gestionale e finanziaria. Inoltre Ri-genera opera per consegnare all’imprenditore una sorta di patente per l’accesso al credito, attraverso un moderno processo di analisi di dati ed indicatori fondamentali”.

“Il nostro lavoro di accompagnamento sul mercato - afferma il presidente Confcommercio Augusto Patrigiani - consiste nel favorire la creazione delle condizioni endogene, cioè dentro le imprese stesse, più idonei per il loro l'ingresso sul mercato e arginare il fenomeno dell'eccessivo turn-over e delle chiusure anticipate dopo due, tre anni. Indispensabile, tuttavia, la collaborazione esogena, vale a dire dell'ambiente esterno,  da parte di chi amministra per aiutare le imprese della rete distributiva a rimanere sul mercato attraverso la riduzione del carico fiscale e dei i gravami burocratici e soprattutto l'adozione di politiche incentivanti per la piccola impresa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento