menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prevenzione e diagnosi: una nuova TC a beneficio dei pazienti

Maria Cecilia Hospital è l’unica struttura in regione dotata di una tecnologia d’avanguardia adatta a pazienti pediatrici, fragili ed obesi; permette una riduzione fino all’80% del mezzo di contrasto

Secondo l’indagine del 2019 "Tech4life", la medicina preventiva fa sempre più parte della quotidianità: il 62% degli italiani si è infatti sottoposto spontaneamente ad esami di prevenzione negli ultimi 5 anni e il 91% è favorevole agli screening.

Innovazione tecnologica e cultura della prevenzione fanno da sempre parte del dna di 'GVM Care & Research', gruppo ospedaliero italiano, che a Maria Cecilia Hospital, ospedale di alta specialità con il Servizio Sanitario Nazionale implementa ancora una volta le tecnologie all’avanguardia grazie alla recente introduzione della nuova 'TC SOMATOM Force'. La struttura di Cotignola è l’unica in Emilia-Romagna a disporre attualmente di questa Tomografia computerizzata di ultima generazione.

“Immagini ad alta definizione e tempi di acquisizione ridotti consentono una diagnosi ancora più accurata – spiega il dott. Lucio Baffoni, coordinatore del Dipartimento di radiologia a Maria Cecilia Hospital –. Ma è importante porre l’accento anche sui vantaggi che la diagnostica di ultima generazione porta al paziente: possiamo infatti indagare in tempi estremamente ridotti la totalità dei distretti corporei, riducendo il mezzo di contrasto e la dose radiante”.

La nuova TC presenta delle caratteristiche che favoriscono la fondamentale attività di prevenzione anche per pazienti fragili, obesi e pediatrici: un’apertura del gantry (tunnel) di 78 cm, un lettino con una portata massima di oltre 200kg e una tecnologia avanzata in grado di catturare immagini in 4D o ad alta risoluzione in tempi rapidi. Una scansione completa del torace avviene in mezzo secondo, mentre è possibile scansionare l’intero corpo in poco più di 2 secondi. La TC permette infatti di acquisire 768 strati (sezioni di dettaglio dell’organo che è possibile visualizzare e analizzare) per ogni singola rotazione di 360° del macchinario che effettua la scansione intorno al corpo del paziente (una rotazione avviene in 0,25 secondi).

Inoltre la nuova TC è in grado di “congelare il movimento” ovvero eliminare il naturale movimento del corpo dovuto al battito cardiaco o alla respirazione, in modo da non richiedere al paziente durante l’esame di trattenere il respiro. Ne consegue un maggior comfort generale e l’alta tollerabilità anche per i più piccoli. La tecnologia della nuova TC consente infine di ridurre la dose del mezzo di contrasto, rispetto alle TC tradizionali, in base alla tipologia di indagine da effettuare o al distretto da esaminare (del 15% negli esami oncologici e fino all’80% nel caso di esami vascolari). È possibile inoltre limitare la dose radiante emessa: una riduzione del 90% nelle indagini cardiovascolari e negli esami del tessuto polmonare; del 70% nelle indagini oncologiche.

“La nuova TC può essere considerata il massimo dell’innovazione tecnologica ad oggi disponibile – commenta il dott. Osvaldo Pirani, coordinatore della Diagnostica per immagini a Maria Cecilia Hospital –. Ci permette di eseguire quanto facevamo in precedenza ma a livelli ottimizzati mai avuti finora. Inoltre migliora la prestazione nella diagnostica cardiaca e cardiovascolare, minimizzando le procedure invasive e creando occasioni che consentono di estendere i protocolli di diagnostica precoce”.

La 'TC SOMATOM Force' di Maria Cecilia Hospital permette infatti di effettuare una sempre più accurata prevenzione cardiaca attraverso il 'TC Calcium Score Index'. L’esame, non invasivo e senza mezzo di contrasto, misura la quantità di calcio presente all’interno dei vasi sanguigni e delle coronarie, indice della salute della circolazione sanguigna e della predisposizione allo sviluppo di patologie coronariche. Con questo esame è possibile individuarle prontamente, tenere monitorato il loro avanzamento ed evidenziare la posizione di eventuali ostruzioni con precisione anche prima che il paziente presenti i sintomi correlati ai fattori di rischio. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento