Novità sui rifiuti: entro il 2020 ci sarà la tariffa puntuale

Rifiuti, tariffa puntuale entro il 2020: annuncio al convegno su economia circolare

Buona notizia per le imprese: la tariffa puntuale dei rifiuti con il pagamento della bolletta richiesto a più riprese in base a quanto realmente smaltito arriverà entro il 2020 e i Comuni saranno aiutati dalla Regione ad attrezzarsi per farlo. Già 48 Comuni italiani la stanno applicando sperimentalmente. Lo ha annunciato il consigliere regionale Lia Montalti (Pd) al convegno promosso da associazione Zacccagnini e Confartigianato sull'economia circolare, con grande affluenza di pubblico (imprese, cittadini e istituzioni tra cui il Prefetto Fulvio Rocco De Marinis e vari sindaci) al convegno tenutosi nella sala convegni della Confartigianato di Cesena. Sono intervenuti il sindaco Paolo Lucchi,la presidente di Confartigianato Lorena Fantozzi e della Zaccagnini Michelangelo Bucci, l’europarlamentare Damiano Zoffoli e l'amministratore delegato di Orogel Bruno Piraccini, il presidente della Commissione Regionale Territorio e Ambiente Manuela Rontini, la consigliera regionale Lia Montalti. Moderatore il responsabile Area Categorie e Mercato di Confartigianato Eugenio Battistini.

Montalti è stata sollecitata da Confartigianato su uno dei temi cari al mondo delle piccole imprese, la tassa rifiuti. "Le piccole imprese - ha detto Battistini -, spesso pagano infatti il servizio non commisurato alla reale quantità di rifiuti urbani smaltiti. La Regione ha previsto l’introduzione della tariffa puntuale, utile non solo per migliorare la raccolta differenziata, ma anche per rendere più equa la tariffazione del servizio". "Ci rendiamo conto che spesso sostenibilità non fa rima con equità - ha rimarcato Montalti -, ma la Regione ha fissato entro il 2020 l’obbligo per i Comuni di introdurre la tariffa con misurazione puntuale, e per agevolare questo processo ha previsto specifiche agevolazioni per gli stessi Comuni, che nei casi in cui è stata già  introdotta hanno riscontrato raccolte differenziate fino all’85%.

Il Ministro all’Ambiente Gianluca Galletti ha chiuso il convegno. In agosto aveva già visitato Confartigianato Cesena e alcune esperienze territoriali d’impresa con progetti ecosostenibili: "L'economia che limita gli sprechi è un mezzo per arrivare al fine della crescita e della miglior qualità della vita che pone al centro la persona, così come ha messo sempre al centro della sua attività politica lo statista democristiano". Galletti ha infine sollecitato le imprese "a diventare protagoniste nelle pratiche di recupero, riciclaggio, riutilizzo e riuso, ma anche nell’innovazione ripensando processi di lavoro, sviluppando prodotti eco-sostenibili e riprogettando nuovi modelli di business. Non poche, nel territorio cesenate, sono su questa virtuosa strada". Ha inoltre informato che il Sistri "sarà un sistema completamente nuovo come richiesto dalle associazioni" Infine ha rimarcato "che la vera sfida del ministero dell’Ambiente è diventare il Ministero allo Sviluppo Sostenibile, per essere di reale supporto all’economia del paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento