No tax area per le neo-imprese, tra un mese pronti i bandi per gli sgravi

La Confesercenti Cesenate ha incontrato, insieme con alcuni nuovi associati, l'assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Cesena, Tommaso Dionigi, per capire bene gli aspetti più operativi dei provvedimenti che il Comune adotterà

Graziano Gozi e Tommaso Dionigi

La Confesercenti Cesenate ha incontrato, insieme con alcuni nuovi associati, l’assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Cesena, Tommaso Dionigi, per capire bene gli aspetti più operativi dei provvedimenti che il Comune adotterà sulle nuove imprese con incentivi e la cosiddetta “No Tax Area”. La manovra è stata accolta con grande favore dopo mesi di confronti e richieste da parte di Confesercenti, tesi ad aiutare le imprese del territorio.

“Si tratta di una vera e propria novità – commenta Graziano Gozi, direttore della Confesercenti Cesenate - nel panorama delle realtà comunali, un segnale di risposta dell’amministrazione comunale di Cesena alle difficoltà che gli imprenditori si trovano ad affrontare nella fase di avvio attività, soprattutto in un momento di crisi come quello che da tempo stiamo attraversando”. I due provvedimenti importanti del Comune prevedono l’erogazione di un contributo una tantum per l’avviamento d’impresa e la “no tax area” per i primi tre anni di vita dell’attività e un intervento significativo, col quale l’amministrazione comunale di Cesena mette a disposizione 500.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tramite appositi bandi di concorso (che verranno predisposti entro novembre) sarà possibile, per tutte le attività che hanno aperto nel 2014, fare richiesta per accedere sia a una somma che verrà erogata in un’unica soluzione sia a un programma triennale di detassazione che comprende le voci Imu, Tasi, Tari, tassa di occupazione di suolo pubblico, tassa di pubblicità e, se possibile, anche la quota comunale dell’Irpef. “Premesso che sarebbe stato preferibile abbassare le tasse a tutte le imprese – prosegue Gozi -, prendiamo atto che attualmente è possibile solo per le nuove. La scelta di campo di spostare sulle nuove imprese tutte le risorse possibili dimostra che il Comune si impegna a creare le condizioni migliori per rinforzare il tessuto imprenditoriale della città”. Incentivi e “no tax area” riguarderanno tutte le attività commerciali del centro storico mentre fuori dal centro storico saranno riservate alle imprese che avranno almeno un dipendente. Gli uffici della Confesercenti sono a disposizione per tutte le informazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento