Mini-Imu, Lucchi chiarisce tutto: "Prima casa, non c'è nulla da pagare"

L’ingarbugliata faccenda della mini – IMU suscita dubbi e incertezze anche fra i cesenati. Il sindaco Lucchi e il vicesindaco Battistini fanno il punto della situazione.

Paolo Lucchi, sindaco di Cesena

L’ingarbugliata faccenda della mini – IMU suscita dubbi e incertezze anche fra i cesenati e in questi giorni, davanti al rincorrersi delle notizie nei notiziari e sulle pagine dei giornali nazionali, "tanti ci sollecitano su questo tema e chiedono chiarimenti" dichiarano il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, e il vicesindaco Carlo Battistini.

PRIMA CASA, "NON C'E' NULLA DA PAGARE" - "E dunque, prima di tutto, ribadiamo che a Cesena per la prima casa non c’è nulla da pagare. Questo grazie alla scelta oculata, fatta nel febbraio del 2013, di non aumentare l’aliquota di base per l’abitazione principale, mantenendola allo 0,4%. La "mini IMU", infatti, è prevista solo per i Comuni in cui sono state aumentate le aliquote rispetto a quelle di base. Fra i capoluoghi dell’Emilia-Romagna solo Cesena e Ferrara hanno evitato ai loro cittadini questo pagamento fuori programma per l’abitazione principale. Non così, invece, Bologna, Rimini, Ravenna, Forli, Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza".

CASE IN COMODATO GRATUITO AI FIGLI O GENITORI - "E non è stato facile - dicono Lucchi e Battistini - evitare un aumento della pressione tributaria sui cesenati, poichè ricordiamo che per il nostro Comune, sulla base di questa aliquota, l’IMU sulla prima casa valeva circa 7,2 milioni, che abbiamo compensato con tagli e risparmi sul bilancio del Comune. Molti ci chiedono, poi, se verrà annullata l’IMU anche per i casi, molto frequenti, di seconde case concesse in comodato gratuito ai parenti di primo grado (figli, genitori), così come indicato dai recenti provvedimenti del Governo. Infatti, mentre in precedenza la normativa nazionale (il decreto Monti “salva Italia”), non consentiva di assimilarla alle abitazioni principali, le ultime modifiche legislative hanno introdotto questa possibilità. Diciamo subito che siamo intenzionati a procedere su questa strada, ma per farlo abbiamo bisogno, ancora una volta, che da Roma ci arrivino indicazioni chiare su come verranno coperti i mancati incassi derivanti dalla cancellazione dell’imposta per questa categoria. Appena arriveranno (come il Governo Letta ha garantito in più occasioni), provvederemo immediatamente, garantendo così un po' di ulteriore sollievo economico a tante famiglie che, concedendo la casa a propri congiunti, non mettono in atto certo speculazioni immobiliari".

TERRENI AGRICOLI - "Allo stesso modo, avremmo voluto evitare il pagamento della differenza IMU per i terreni agricoli dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali. Come si ricorderà, anche questa categoria ricade fra quelle per le quali è stata abolita l’IMU. In questo caso, però, l’aliquota deliberata dal Comune, pari al 1.06%, risulta superiore a quella base dello 0.76%, e dunque, in questo caso, secondo quanto prescritto dal decreto legge 133 (lo stesso che ha abolito la seconda rata dell’imposta), i contribuenti sono chiamati a versare il 40% della differenza. Purtroppo, dal momento che la modifica apportata con il decreto legge è arrivata a ridosso della conclusione dell’esercizio finanziario, non è stato possibile intervenire sulla rimodulazione delle aliquote, come ci sarebbe piaciuto fare. E d’altro canto, nelle nostre condizioni si trovano molte altre Amministrazioni comunali, anche di diverso colore, come ad esempio quella di Cesenatico".

"CASALI SI INFORMI MEGLIO" - "Chissà come valuta questo analogo orientamento da parte di un’Amministrazione del suo stesso schieramento, il consigliere di Forza Italia Marco Casali, che un paio di giorni fa, su questo aspetto, ha accusato la Giunta di Cesena di “non risparmiare nessuno in materia di tasse”, affermando che “se a livello nazionale l’IMU per i coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali è stata soppressa, così non avviene nel nostro Comune dove la giunta è sempre alla ricerca di risorse da strappare alle imprese“. Dobbiamo arguire che secondo Casali anche la Giunta di Cesenatico si è macchiata di questa stessa colpa? Forse oggi sarebbe opportuno che Casali ed altri si informassero meglio, smettendo magari anche di classificare tutti come ‘amici’ e ‘nemici’, ed iniziando, piuttosto, a distinguere le Amministrazioni oculate  da quelle non oculate" concludono il primo cittadino e il vicesindaco Battistini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento