Frutta, andamento dei prezzi: gli agricoltori tirano un sospiro di sollievo

In grande rialzo le ciliegie Corniole, uno degli articoli pregiati della produzione locale. Mentre la scorsa settimana il prezzo medio, si era attestato su 2,50 euro il chilo, questa settimana gli agricoltori hanno ottenuto in media 4 euro il chilogrammo

E’ arrivato il gran caldo e gli agricoltori tirano un sospiro di sollievo. La scorsa settimana i prezzi della frutta, pesche e albicocche, avevano segnato il passo anche a causa delle temperature piuttosto basse che avevano rallentato i consumi. Negli ultimi giorni, invece, le cose sono andate meglio e i consumi paiono essere tornati alla normalità. Almeno questo è quello che si evince analizzando la statistica settimanale elaborata dal Mercato Ortofrutticolo di Cesena.

Gli scambi sono aumentati e si è vista più vivacità rispetto a 7 giorni fa. Nella Riviera stanno arrivando sempre più turisti e gli albergatori e i ristoratori più attenti si rivolgono alla struttura di Pievesestina per poter offrire frutta e verdura di alto livello. Uno degli articoli che ha dato maggiori soddisfazioni è stata l’albicocca, in particolare quelle lavorate in cestini. Il prezzo massimo spuntato dagli agricoltori è stato di 2 euro il chilogrammo, con una prevalenza dei prezzi attorno a 1,60 euro. In grande rialzo le ciliegie Corniole, uno degli articoli pregiati della produzione locale. Mentre la scorsa settimana il prezzo medio, si era attestato su 2,50 euro il chilo, questa settimana gli agricoltori hanno ottenuto in media 4 euro il chilogrammo. Una quotazione in linea con la reale qualità del prodotto che rappresenta un’eccellenza al pari delle più rinomate, ma non migliori, ciliegie emiliane e pugliesi.

Attraversano una certa stabilità, con ampi margini di miglioramento, le pesche e le nettarine. Nei giorni scorsi sono state pagate ai produttori da 0,80 a 1,50 a seconda della lavorazione e della varietà. Cifre che, se il clima si mantiene caldo, non possono che aumentare grazie all’aumento della domanda. “Il fatto che i prezzi stiano tenendo – spiega Domenico Scarpellini, presidente del Mercato – dà un certo ottimismo. Certo, l’auspicio è che i produttori siano soddisfatti ancor di più in relazione alla qualità. Il mercato all’ingrosso ha proprio questo obiettivo: dare la giusta remunerazione agli agricoltori che conferiscono un prodotto di alto livello, ben confezionato e pronto al consumo. Al Mercato – conclude il presidente - le produzioni sono a chilometro zero, raccolte entro le 12-16 ore precedenti il conferimento mantenendo così inalterato il proprio gusto e sapore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento