Successo per il mercato domenicale, gli ambulanti: "Servono parcheggi a costi più bassi"

Grande afflusso e discrete vendite per il terzo mercato ambulante natalizio straordinario sotto le stelle, da mattina a sera, il migliore dei tre tenutisi a Cesena le domeniche di dicembre

Grande afflusso e discrete vendite per il terzo mercato ambulante natalizio straordinario sotto le stelle, da mattina a sera, il migliore dei tre tenutisi a Cesena le domeniche di dicembre. “Il primo è stato funestato dal maltempo – dice Alverio Andreoli, presidente Fiva regionale e cesenate -, il secondo è andato benino, il terzo è stato finalmente pari alle attese, con il mercato che ha calamitato visitatori anche da fuori città, nonostante la concorrenza arrivi da più parti e ci fossero altri Comuni vicini con il mercato domenicale straordinario”

“Mercoledì per la vigilia di Natale, saremo ancora in campo al mattino con il tradizionale mercato mattutino del 24. L'attività prosegue intensa per tutte le feste in tutti i mercati del cesenate e l'11 gennaio si terrà in piazza del Popolo e viale Mazzoni la ormai tradizionale fiera del saldo che apre anche per i commercianti su aree pubbliche la stagione dei saldi. Il 2014 per gli ambulanti cesenati è stato un anno con luci e ombre – rimarca Andreoli -: le luci sono costituite dai buoni afflussi che confermano l'attrattività del mercato per un segmento sempre crescente di utenti, fra cui i giovani. Questo è importante: la clientela formata dai giovani che si unisce allo zoccolo duro dei frequentatori dei mercati testimonia che l'offerta e le modalità con cui viene proposta (socialità, approccio informale, possibilità di toccare la merce e trattare il prezzo) vanno incontro anche alle esigenze del nuovo pubblico. In tanti che vengono da fuori, inoltre, ci hanno fatto i complimenti per la suggestività del nostro storico mercato all'ombra della Rocca e nel cuore della città. Di solito chi ci conosce poi torna e si fidelizza. Le ombre del 2014 che sta finendo sono invece costituite dal persistere della contrazione delle vendite, sul 20-30%, rispetto agli anni pre-crisi, conseguenza del ridotto potere di acquisto delle famiglie. Tanti vengono al mercato, ma si compra meno: questo il succo”.

“E' nei periodi difficili – prosegue Andreoli - che gli imprenditori debbono, non solo tener duro, ma anche investire e l'obiettivo di noi ambulanti è quello di qualificare ancora di più i nostri mercati, renderli più attrattivi e sempre più al passo con le esigenze. Vogliamo sempre più coniugare la specificità del mercato e la sua accogliente e popolare informalità a una qualità maggiore dell'offerta anche attraverso iniziative mirate che promuovano l'immagine di un mercato salotto, luogo familiare di incontro e acquisti nel centro commerciale più bello della città, quello a cielo aperto. A questo proposito, una nostra proposta che ribadiamo ancora una volta è quella di dotare i nostri centri commerciali a cielo aperto, i mercati ambulanti, di adeguate infrastrutture per la sosta là dove sono carenti e rendere il costo della sosta più basso per incentivare l'utilizzo nei giorni mercatali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento