menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Valzania

Roberto Valzania

Macellerie cesenati, l'analisi: vendite di carne stabili, sale la gastronomia

E' la situazione del settore messa a fuoco da Federcarni cesenate, il sindacato aderente a Confcommercio, che associa circa 50 attività

Macellerie cesenati: vendita di carne stazionaria e aumento de volume di affari per la gastronomia. E' la situazione del settore messa a fuoco da Federcarni cesenate, il sindacato aderente a Confcommercio, che associa circa 50 attività le quali abbinano al core business della vendita di carne genuina, garantita e di filiera corta prodotti a cuocere delle più svariate tipologie. Un passaggio epocale a livello di svolgimento del mestiere che richiede investimenti in formazione per la conoscenza della materia prima, le tecniche di lavorazione e la  presentazione del prodotto. Anche una professione tradizionale come quella del macellaio è in continua evoluzione: per questo Federcarni Confcommerciha promosso un percorso di costante aggiornamento per i suoi associati. Ultimo appuntamento in ordine di tempo quello organizzato a Cesena il 28 febbraio scorso ad Icook, la scuola di cucina frutto della sinergia tra Iscom Formazione e Cook Academy.

Oltre 70 partecipanti da tutta la Romagna per un seminario di aggiornamento professionale promosso da Federcarni, in collaborazione con la ditta Greci, il cui fiore all'occhiello è stata la dimostrazione pratica tenuta da Thomas Ferrari e dallo chef Cristian Baiocchi, che ha dispensato preziosi consigli di preparazione e cottura. La professione del macellaio, si sta dunque sempre più focalizzando sulla gastronomia, sull'offerta di piatti pronti o preparazioni solo da cuocere.

“Frequentare corsi di cucina, conoscere gli aspetti nutrizionali dei prodotti e avere piena familiarità con le diete per noi è sempre più importante - rimarca Roberto Valzania, presidente di Federcarni Confcommercio Cesenate - i nostri clienti ci chiedono preparazioni a basso contenuto calorico, senza glutine, cotture leggere, piatti più sani e poi ancora informazioni sul prodotto. Per questo dobbiamo essere sempre aggiornati e facciamo leve su un'etichettatura chiara ed esauriente. Il concetto del prodotto a chilometro zero, poi, è particolarmente sentito. Tutti questi nuovi aspetti si aggiungono alla parte più tradizionale della nostra professione".

"Come Federcarni - aggiunge il presidente del sindacato dei macellai - stiamo organizzando un nuovo corso che scenda ancora più nel dettaglio delle preparazioni: gastronomia e rosticceria sono sempre più importanti per le nostre attività. Icook si è rivelata una struttura comoda e funzionale". “La partecipazione dei macellai è stata notevole - chiosa Massimo Montanari, responsabile della Federcarni Cesenate -. La formazione resta al centro della nostra azione sindacale e presto organizzeremo altri appuntamenti altamente qualificanti: il nostro sindacato intende lavorare per l’aumento della professionalità degli operatori verso il cliente e prestare sempre più attenzione alla qualità delle carni offerte. Inoltre i macellai cercano di sensibilizzare il consumatore sui valori nutrizionali e sull'importanza che riveste la professionalità nel lavoro svolto dal maestro macellaio, vero e proprio consulente alimentare del cliente fidelizzato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento