I numeri dell'economia locale 2012: disoccupazione al 7,8%. A farne le spese soprattutto le donne

E' quanto emerge da “I Numeri dell’Economia 2012”, la pubblicazione curata dalla Camera di Commercio di Forlì-Cesena, che mette in evidenza il quadro del sistema produttivo provinciale attraverso indicatori statistici aggiornati, relativi ai vari settori economici

Con un saldo al 31 dicembre scorso tra imprese attive e cessate pari a -432 unità (al netto delle cancellazioni d’ufficio), la provincia di Forlì-Cesena si conferma un territorio ad elevata imprenditorialità (mediamente vi è un’impresa ogni 10 abitanti). E' quanto emerge da “I Numeri dell’Economia 2012”, la pubblicazione curata dalla Camera di Commercio di Forlì-Cesena (disponibile in formato cartaceo e on line), che mette in evidenza il quadro del sistema produttivo provinciale attraverso indicatori statistici aggiornati, relativi ai vari settori economici.

La distribuzione delle imprese attive è concentrata principalmente nei settori del commercio (21,6% del totale imprese attive), agricoltura (19,7%), delle costruzioni (16,3%) e nell’industria (9,7%). La distribuzione degli addetti delle imprese attive della provincia, con riferimento ai principali settori d’attività, risulta la seguente: il 10,1% è impiegato nell’agricoltura; il 26,1% nell’industria; il 10,4% nelle costruzioni; il 28,9% nel commercio e nel turismo; il restante 24,6% nei servizi e altre attività.

Con esclusione dell’agricoltura (che comunque pesa circa per il 20% sul totale delle imprese attive), la struttura produttiva della provincia è principalmente caratterizzata da ditte individuali (in linea con il dato regionale e nazionale). L’incidenza delle società di capitali appare ridotta (18,0%, contro il 21,7% regionale e il 21,5% nazionale), mentre quella della società di persone (24,7%) è superiore rispetto agli altri aggregati territoriali.

Ricchezza - Con riferimento al 2012, la provincia di Forlì-Cesena, con un valore pari a 28.593 euro, si colloca all’11° posto nella graduatoria nazionale in ordine decrescente del valore aggiunto procapite (a prezzi correnti) e al quarto posto in regione dopo Bologna, Modena e Parma. Nel 2011, Forlì-Cesena occupava, invece, l’ottava posizione a livello nazionale e il terzo posto a livello regionale. Nel 2011 (ultimo anno disponibile) il Valore Aggiunto della provincia di Forlì-Cesena è stato pari a 11.446 milioni di euro, così ripartiti: “agricoltura” 3,3% del totale, “industria” 29,5% e "servizi" 67,2%.

Dal confronto con i corrispondenti valori regionali appare maggiormente rilevante a livello provinciale il peso del settore agricolo (3,3% contro 2,3%), sostanzialmente identica l’incidenza del settore industriale (29,5% contro 30,1%), così come il terziario (67,2% contro 67,6%). A livello nazionale risulta ancora più bassa l’incidenza dell’agricoltura (2,0%) e dell’industria (24,6%), mentre è più rilevante quella dei servizi (73,4%).

Nel 2011 (ultimo dato disponibile), con un valore pari a 21.601 euro, il reddito disponibile procapite delle famiglie della provincia di Forlì-Cesena è risultato sostanzialmente stabile, superiore (in valore assoluto) al dato nazionale e dell’Emilia Romagna. Il reddito disponibile procapite delle famiglie si posiziona al 2° posto tra le province della regione (dopo Bologna con 23.763 euro).

Lavoro - I dati relativi al mercato del lavoro nella provincia di Forlì-Cesena (valori medi del 2012) evidenziano un tasso di occupazione (per la popolazione compresa tra 15 e 64 anni) pari al 66,7%, inferiore a quello regionale (67,6%), ma superiore a quello medio nazionale (56,8%). I livelli occupazionali assumono valori diversi per genere: 73,5% per i maschi e 59,9% per le femmine. Il tasso di occupazione femminile provinciale risulta di poco inferiore rispetto a quello regionale (61,3%), ma superiore al dato nazionale (47,1%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tasso di disoccupazione totale della provincia, pari al 7,8%, risulta maggiormente elevato di quello regionale (7,1%), ma decisamente inferiore a quello medio nazionale (10,7%). Anche il tasso di disoccupazione assume valori diversi tra i maschi (6,2%) e le femmine (9,7%); in relazione alla componente femminile i dati provinciali sono migliori di quelli nazionali (11,9%), sebbene l’analisi dinamica riporti un aumento della disoccupazione con particolare riferimento a quella femminile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento