La crisi resta, ma aumenta il numero di imprese in provincia

Secondo Movimprese, banca dati di Infocamere, alla fine del 2010 le imprese "registrate" presso l'ente camerale di Forlì-Cesena sono risultate 44.791, delle quali 40.538 attive. Un incremento dell'1%

I tassi di crescita delle imprese registrate alla Camera di commercio, relativi al 2010 (elaborati al netto dell’agricoltura e depurati dall’effetto prodotto dalle cancellazioni d’ufficio) mostrano una variazione positiva dell’1,02% per la provincia, dell’1,14% per l’Emilia-Romagna e dell’1,72% per l’Italia. Secondo Movimprese, banca dati di Infocamere, alla fine del 2010 le imprese “registrate” presso l’ente camerale di Forlì-Cesena sono risultate 44.791, delle quali 40.538 attive.

 

Nel corso dell’anno si sono iscritte 2.832 imprese e ne sono cessate 2.729 (dato al netto delle cancellazioni d’ufficio). Il saldo risulta pertanto positivo (+103 unità). Questi dati segnalano un’inversione di tendenza rispetto al 2009, quando si era registrato un saldo negativo (-256).

 

La differenza è dovuta sia ad un aumento delle iscrizioni (2.832 nel 2010 contro 2.619 nel 2009), sia ad una diminuzione delle cessazioni (2.729 nel 2010 contro le 2.875 del 2009).
Fra i settori più significativi, quanto a numerosità delle imprese attive, si rileva una moderata crescita del commercio (+0,4%) che costituisce il 27,1% delle imprese attive (al netto dell’agricoltura). Risultano invece sostanzialmente stabili le costruzioni (-0,1%), che rappresentano il 20,9%. Il settore manifatturiero locale, comparto che ha subito in modo rilevante l’impatto della crisi economica, continua nel trend di diminuzione (-1,7%); la sua incidenza a livello provinciale è pari al 12,5%.
 

Seguono per incidenza i settori “alloggio e ristorazione” (8,3% sul totale), in crescita dell’1,4%; le attività immobiliari (incidenza del 7,8%), con una crescita del 2,6%; “altre attività di servizi” (incidenza del 5,4%), con +1,0%; “trasporti e magazzinaggio” (incidenza del 5,1%), che continua nel suo trend di forte diminuzione (-3,4%).
Prosegue infine il calo delle imprese agricole, con un tasso del –2,6% rispetto al 2009. Un po’ meno pronunciata la diminuzione del settore in Emilia-Romagna (-2,3%) e a livello nazionale (-2%).
 

I dati confermano quanto già registrato l’anno precedente: la situazione di crisi ha determinato, per tutti i livelli territoriali, il consolidamento del sistema produttivo nelle sue componenti strutturalmente più robuste: le società di capitali (in provincia il 17,4% delle imprese attive non agricole). Quest’ultima forma giuridica registra una crescita pari a +4,6%, superiore al dato regionale (+2,3%) e a quello nazionale (+2,8%). L’incidenza provinciale resta comunque minore di quella regionale (21,1%) e nazionale (20,7%). 
Per quanto riguarda le altre forme giuridiche, le ditte individuali, pari al 55,1% delle imprese (54,5% in regione, 57,5% in Italia), sono diminuite dello 0,8%. Le società di persone, pari al 25% del totale (22,1% in regione, 19,3% in Italia), sono rimaste stabili (-0,1%). Infine, al 31/12/2010, le imprese artigiane attive risultano 13.751 (-1,7% rispetto al 2009); la movimentazione è stata di 953 iscrizioni e 1.200 cessazioni (saldo: -247).
 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento